Alta tensione al centro storico, puntano pistola contro la polizia. Erano pronti a colpire

Alta tensione al centro storico, puntano pistola contro la polizia. Erano pronti a colpire

Napoli. A Forcella anche il 2016 si è chiuso con la camorra pronta a colpire. Il 2015 finì infatti con la tragica morte di Maikol Russo, innocente ucciso per sbaglio a San Silvestro: il corteo di scooter aveva scelta piazza Calenda per la “stesa”, ma i proiettili colpirono il giovane che era appena uscita da un bar. A distanza di un anno nulla è cambiato nel quartiere della faida.

Il 29 dicembre la polizia ha infatti sventato un raid. Tre scooter con equipaggi armati si aggirava per i vicoli. Gli agenti sono subito intervenuti ma il gruppo è riuscito a scappare via. I mezzi poco dopo sono stati ritrovati: appartengono a gente dei Mazzarella. Ma non è finita qui.

Dopo poche ore un altro corteo si aggira per Forcella. Interviene anche una pattuglia ed uno dei passeggerei punta una pistola contro la polizia che a scopo intimidatorio spara due colpi. Lo scooter cada ma i sospetti riescono a fuggire. Secondo la prima ipotesi erano uomini dei Sibillo che voleva colpire un personaggio legato ai Nuovi Giuliano. Aveva targa camuffata e guanti in lattine: tutto pronto quindi – come riporta Cronache – per “fare un pezzo”.