Allarme baby-gang, provano a strangolare e rapinare un omosessuale

Allarme baby-gang, provano a strangolare e rapinare un omosessuale

Provincia. Choc a Maddaloni. Contattano via web un omosessuale e poi cercano di rapinarlo. I carabinieri dell’aliquota radiomobile della Compagnia di Maddaloni, unitamente a quelli del locale Comando Stazione,  hanno tratto in arresto due minori, del posto, ritenuti responsabili del reato di tentata rapina in concorso ai danni di un 38enne omosessuale di Acerra,  dedito alla prostituzione.

I due minori, dopo aver contattato la vittima tramite annuncio pubblicato su sito internet, si sono appartati in un luogo isolato, in via Napoli, ove hanno aggredito la vittima. Nella circostanza, i malfattori hanno tentato di strangolare la vittima con l’ausilio di un laccio al fine di riuscire ad asportargli il telefono cellulare ed il portafoglio, ma l’attiva resistenza, opposta dal malcapitato, li ha costretti a darsi a precipitosa fuga.

I carabinieri, giunti sul posto ed esperiti i primi accertamenti, hanno poi identificato i due rei che sono stati subito bloccati mentre stavano rientrando presso le rispettive abitazioni. Il successivo sopralluogo ha permesso di rinvenire e sequestrare il laccio utilizzato per porre in essere l’attività delittuosa. La vittima soccorsa dai medici del 118, è stata riscontrata affetta da “escoriazione al collo e stato di agitazione”. Gli arrestati,  sono stati accompagnati presso il centro di prima accoglienza dei Colli Aminei (Na).