Alga tossica, emergenza sul litorale pugliese

Alga tossica, emergenza sul litorale pugliese

Puglia. Dilaga nel Barese e arriva per la prima volta anche in Salento. Con bollino rosso da Bisceglie a San Giorgio. Salvi il Gargano e il Tarantino, che registrano al massimo valori modesti. L’emergenza alga tossica continua. A diffondere il bollettino quindicinale del monitoraggio nelle acqua marine pugliesi in superficie e sui fondali è l’Arpa Puglia. L’Agenzia regionale per l’ambiente disegna la geografia della contaminazione e lo fa con una mappa interattiva, per il primo anno consultabile sul suo sito nella sezione dedicata al monitoraggio della Ostreopsis ovata.

Per la prima quindicina di luglio il bollino rosso si concentrava tra Giovinazzo e Torre Canne. Dal 15 al 30 luglio, invece, la presenza dell’alga si estende a tutto il litorale barese. Bandierina rossa a Bisceglie, confermata la massima allerta anche a Giovinazzo, Molfetta e su tutto il litorale barese fino a Lido Trullo a San Giorgio. La situazione migliora a Mola di Bari.

Rientra l’emergenza a Forcatella (presenza abbaondante solo sul fondale), mentre l’alga arriva a Porto Badisco (Lecce).

La verifica e l’aggiornamento interattivo proseguiranno fino a settembre e saranno potenziati, soprattutto in caso di ulteriore fioritura conclamata. Venti i tratti costieri attenzionati destinati alla balneazione.Per far fronte agli effetti (febbre e problemi respiratori), l’Ordine dei medici ricorda ogni anno che è meglio evitare l’assunzione di antibiotici. “Bisogna valutare caso per caso – sottolinea il presidente Filippo Anelli – possono bastare banali antipiretici, ma potrebbe anche servire l’intervento del cortisone, se sopraggiungono infezioni a carattere batterico”.

fonte: La Repubblica