Adesione al Pd di Poziello, il partito chiude le porte al sindaco: “Bocciata la richiesta di tesserarsi”

Adesione al Pd di Poziello, il partito chiude le porte al sindaco: “Bocciata la richiesta di tesserarsi”

GIUGLIANO. Le prove di riavvicinamento tra Poziello e il partito democratico si sono chiuse con una porta in faccia. Il partito democratico di Giugliano ha rigettato la richiesta di adesione del primo cittadino.

Nel weekend l’ufficio adesioni del circolo di corso campano si è riunito e ha valutato la richiesta di Poziello. la decisione presa è quella di non tesserare il sindaco nelle fila del Pd.

Due le motivazioni che i democratici addurrebbero alla scelta: regolamentare e politica. Regolamentare perché la richiesta di adesione al partito Poziello l’avrebbe presentata a un organo non competente e non avrebbe seguito dunque l’iter previsto da statuto per tesserarsi. L’altra, invece, è strettamente politica. Il partito democratico siede da all’opposizione di questa amministrazione e non ha mai condiviso la linea politica né l’operato del primo cittadino.

Il rientro del sindaco nel suo ex partito, quello che alla vigilia delle elezioni amministrative lo mise alla porta, al momento dunque è congelato.

Poziello deve adesso però fare i conti con il rimpasto di giunta che con il suo possibile rientro nel partito democratico sembrava essere in stallo, nonostante la data ultima era il 30 settembre. L’esito sulla tessera dem del sindaco avrebbe potuto incidere anche sulla composizione della giunta giuglianese, ma con il diniego del partito adesso non dovrebbero esserci più ostacoli al rimpasto.

Questo il comunicato del Pd di Giugliano: “C’è una totale incompatibilità sia dal punto di vista formale che politico tra il PD ed il sindaco Antonio Poziello, per questo motivo l’Ufficio Adesioni del Circolo di Giugliano boccia la richiesta di tesseramento fatta dal primo cittadino”. Non usa mezzi termini il segretario del PD di Giugliano che in una nota annuncia di aver respinto la richiesta avanzata da Poziello di iscriversi al circolo democrat della terza città della Campania. Alla base della decisione ci sono sia errori di carattere formali e procedurali ma soprattutto incompatibilità politiche e
programmatiche tra il Sindaco e le idee portate avanti dal Gruppo Consiliare del PD di concerto con il Circolo.
“L’Ufficio Adesioni del Circolo Pd di Giugliano ha rilevato che il sindaco Poziello ha irritualmente presentato richiesta di adesione alla commissione di garanzia provinciale nonostante presso il Circolo di Giugliano fosse in corso il regolare tesseramento. Nel merito della richiesta rileviamo che la posizione di Poziello è incompatibile con la linea politico programmatica del pd.
“Nell’arco di questi due anni il Sindaco si è dimostrato sordo ad ogni nostra proposta programmatica di partito di centrosinistra” – dichiarano i consiglieri Pd di Giugliano. “Si è accerchiato sia all’interno della maggioranza che in giunta di figure che non hanno nulla a che fare con le nostre idee. Basta pensare alla presenza di assessori di orientamento politico di centrodestra. Le politiche messe in atto dall’Amministrazione Poziello in tema di sicurezza, questione rom, ambiente, immigrazione e gestione dei servizi sociali sono molto lontane da quelle promosse dal Pd. A ciò si aggiunge l’assenza totale di trasparenza sulla gestione finanziaria dell’Ente, condita dallo spreco di soldi pubblici per organizzare feste che non apportano nessun miglioramento dal punto di vista culturale alla città se non la spartizione dei finanziamenti alle solite associazioni. Per questi motivi principalmente di "etica politica" riteniamo che sia impossibile sia dal punto formale ma soprattutto sostanziale l’ingresso del sindaco Poziello nel Circolo Pd di Giugliano”.