A tu per tu con Higuain: “Via da Napoli per stare bene con me stesso”

A tu per tu con Higuain: “Via da Napoli per stare bene con me stesso”

Ha parlato Gonzalo Higuaìn e lo ha fatto in una lunga intervista a “Icon”, il magazine di Panorama in edicola domani. Il suo addio a Napoli, l’arrivo a Torino, la sua vita professionale e personale, questi i temi trattati dall’ex numero nove azzurro.

Sfera privata: “In famiglia siamo molto uniti. O almeno ci proviamo, ma il fatto che siamo un po’ dispersi per il mondo non lo rende facile. Mia madre, poi, credo abbia sofferto molto per questa divisione: siamo spariti da un momento all’altro, io a 18 anni sono andato a giocare a Madrid, mio fratello in Turchia. Io e mia madre Nancy abbiamo un legame speciale a dieci mesi mi salvò dalla meningite portandomi in ospedale, andando d:al dottore convincendolo a curarmi senza perdere neanche un minuto. Grazie al suo coraggio tutto è andato bene. Vincere è importante, ma stare bene lo è di più”.

Sfera professionale: “Ancora oggi, a 29 anni, non penso mai a quello che sono, quello che ho fatto, e questo alla lunga è ciò che ti fa andare avanti. Ho capito che è fondamentale non pensare mai di essere arrivato. O, peggio, di essere il migliore. I giornalisti sportivi parlano sempre di soldi, questo non lo capisco”.

Il trasferimento via da Napoli: Gli ingaggi sono alti, certo, ma credo però che nessun calciatore pensi solo ai soldi; quando si cambia squadra lo si fa per stare bene con se stessi, per essere felici. Io ho preso i miei rischi e non sono pentito delle scelte che ho fatto”.

Il rapporto con la città di Torino: “Non la conoscevo: mi raccontavano che era una bella e tranquilla, e ora posso affermare che è vero. Sono felice della scelta che ho fatto perché così ho raggiunto una certa serenità dentro e fuori dal calcio, che era quello che cercavo. A livello lavorativo e a livello personale senti di aver fatto una scelta perfetta“.