Marano, Giudice di pace: parte il trasloco. Da via Cesina a piazza San Escrivà de Balaguer

Marano, Giudice di pace: parte il trasloco. Da via Cesina a piazza San Escrivà de Balaguer

Giudice di pace, iniziato il trasferimento dei faldoni da via Cesina a via san Escrivà de Balaguer. Fascicoli, documenti ma anche suppellettili e arredi che dovranno essere sistemati nella palazzina adiacente al Comune, nuova sede degli uffici del Giudice di Pace. Dopo oltre venti anni, insomma, giudici, avvocati e dipendenti lasceranno l’angusta struttura di via Cesina e si trasferiranno al centro di Marano, ormai orfano della sezione distaccata del tribunale di Napoli. La palazzina di via San Escrivà de Balaguer, nata per accogliere il nuovo centro per l’impiego ma da sempre utilizzata esclusivamente per fini giudiziari, possiede tutte le caratteristiche tecnico-strutturali per ospitare al meglio le centinaia di utenti che ogni giorno, da tutto l’hinterland, giungono a Marano. L’ufficio del Giudice di pace cittadino ha infatti competenza su ben sette comuni dell’area giuglianese: Marano, Mugnano, Giugliano, Calvizzano, Melito, Qualiano e Villaricca. Ogni ente, ad eccezione di Giugliano – secondo un accordo stilato nei mesi scorsi – contribuirà al suo funzionamento destinando risorse economiche o mettendo a disposizione un dipendente comunale. Un patto tra i comuni siglato in extremis e che ha consentito a Marano di non perdere il secondo presidio giudiziario. Le operazioni di trasloco, avviate due giorni fa, termineranno nell’arco di due o tre settimane.