Al Lago Patria la centrale del CARSEX, ultima frontiera del sesso trasgressivo

E’ pur vero che un suo affluente si chiama Amore ma non ci saremmo mai aspettati di scoprire che il Lago Patria divenisse la capitale campana dell’ultima moda trasgressiva: il CAR sex.

Mai sentito parlare di car sex? È uno degli ultimi trend in ambito erotico-trasgressivo, già portato allo scoperto da Le Iene un paio di anni fa e oggi divenuto fenomeno di costume. O meglio s-costume! Si tratta di un vero e proprio gioco sessuale, aperto allo scambio di coppia, all’esibizionismo e al voyeurismo.
Se però prima tali pratiche erano riservate ai frequentatori di esclusivi locali ad hoc o feste più o meno private, da qualche tempo il car sex ne è diventata l’alternativa, con il vantaggio del risparmio economico e di tempo, senza rinunciare all’esclusività, perché le suddette aree di parcheggio dove praticarlo non sono ovunque e vanno scovate tramite siti e forum per appassionati, e i segnali di riconoscimento tra auto studiati approfonditamente.

Proprio su questi forum molti rimandano al “lago” dove a quanto pare dopo il tramonto comincia “la festa”. Tra l’altro lungo la riva non è difficile trovare scritte e annunci in tal senso. Di certo però su internet ci sono quelli ancora più espliciti: “salve siamo una coppia di esibizionisti della provincia di napoli, di solito andiamo al lago per giocare con singoli spettatori , il posto e’ tranquillo e sicuro, vorremo corrispondere con coppie e singoli maturi”.

E che succede normalmente? «Si aspetta a vedere cosa fanno gli altri. A volte si cerca intimità con il partner per mettere a proprio agio gli altri. L’importante qui è capire che lo scopo è divertirsi, ma nel totale rispetto del prossimo e della coppia!». E quindi si attende il segnale, ci si guarda intorno e si vede se qualcuno ha le luci accese nella propria vettura, «cosa che attesta la disponibilità e permette di essere visti. Ma niente abbaglianti, mi raccomando!».
Normalmente poi può succedere di essere affiancati da un’altra vettura o dalla lei di un’altra coppia: «sono le donne a iniziare i giochi”, si dice, «si guardano, si scelgono, si scambiano i posti nelle macchine dei compagni e si inizia a conoscersi meglio. Ci sono poi quelli che solamente si stuzzicano tra sconosciuti, o che amano essere solo guardati, quelli che vogliono guardare dalla loro auto per accendere la propria intimità, quelli che preferiscono lo scambio di coppia e quelli che optano per il coinvolgimento di un singolo.
Un mondo sconosciuto ai più e fatto di coppie di ogni età: «dai neo sposini ai ventenni in cerca di stravaganza, passando per le coppie più collaudate, fino a quelli che magari hanno superato gli anta da un pezzo».

La legge però è molto severa in merito: il sesso nella propria auto è più grave di un furto.
Infatti varie sentenze della Corte di Cassazione hanno dichiarato fuorilegge il sesso in automobile, poiché viola due articoli del codice penale (il 527 per atti osceni e il 726 per atti contrari alla pubblica decenza): il reato prevede una condanna fino a 3 anni di carcere, a meno che non si incorra, come da testo della legge, nell’oscuramento totale dei finestrini, in modo che non si possa intendere ciò che accade dentro l’abitacolo. Il vecchio sistema per riciclare i giornali letti.