Muore in un tragico incidente un pizzaiolo 38enne di Qualiano. Ferite 5 persone

Muore in un tragico incidente un pizzaiolo 38enne di Qualiano. Ferite 5 persone

Tragico incidente lungo la rotatoria a ridosso del centro commerciale Auchan. Morto un 38enne di Qualiano, Gianfranco Petricciuolo residente in via Cicerone. L’uomo, pizzaiolo, stava tornando da lavoro. Da poco aveva finito il suo turno in un ristorante della fascia costiera. In macchina con lui un suo compagno di lavoro di 42 anni. Il 38enne, che era alla guida, è morto in ospedale al San Giuliano di Giugliano. I medici non sono riusciti a salvargli la vita. Troppo forte l’impatto con l’altra vettura.

I fatti questa notte. Nel rocambolesco incidente sono state coinvolte ben 7 persone. Cinque sono ferite altre due illese. I carabinieri hanno ricostruito l’intera dinamica dell’incidente. A scatenare l’inferno  una Punto nera con a bordo due ragazzi e una ragazza, tutti di Casalnuovo e  di Pomigliano. I giovani, il conducente di 21 anni e i passeggeri di 18 e 17 anni, avevano appena terminato una serata in compagnia e stavano per rientrare a casa. Con molta probabilità il giovane di Casalnuovo, che andava ad una velocità sostenuta, non si è accorto della rotatoria è non è riuscito a frenare in tempo e per questo ha preso in pieno, nella fiancata destra, un altra Punto di colore grigio coma bordo Petricciuolo e l’amico.

 

La macchina con a bordo i giovani poi si è ribaltata più volte sull’asfalto. L’altra vettura invece ha impattato contro una Hiundai con a bordo un 19enne di Villaricca e una studentessa 20enne. Nei primi attimi il caos. Subito gli altri automobilisti hanno prestato soccorso e immediata è scattata la telefonata al 118. Sul posto sono giunte ben tre ambulanze e i carabinieri. I sanitari si sono subito accorti delle gravissime condizioni del pizzaiolo ed hanno fatto di tutto per salvarlo ma per lui non c’è stato nulla da fare. I tre ragazzi invece sono stati condotti a Pozzuoli le loro condizioni non sarebbero gravi ma sono tutti sotto shock.

I conducenti dei mezzi sono stati sottoposti a esami sanitari per verificare l’eventuale uso di sostanze stupefacenti o alcoliche.