Cerca di corrompere i carabinieri con un gratta e vinci che non sapeva vincente

Cerca di corrompere i carabinieri con un gratta e vinci che non sapeva vincente

Per corrompere i carabinieri offre soldi e un gratta e vinci “fortunato”. Arrestato 42enne durante i controlli su strada, è sempre più ricorrente il tentativo di eludere contravvenzioni offrendo soldi agli operanti.
Le offerte, piccole somme, vengono avanzate per evitare la contestazione di violazioni al codice della strada che prevedono decurtazione di punti dalla patente o il fermo o sequestro amministrativo o il ritiro di documenti (guida senza cintura e circolazione senza assicurazione o con mezzi non sottoposti alla prevista revisione periodica).
La maggior parte degli istigatori risulta essere di nazionalità straniera.
I numerosi arresti operati nel tempo sono la concreta dimostrazione di come, oggi, si possano respingere le azioni di coloro che credono ancora di poter ottenere tutto corrompendo.

 
L’ultimo episodio, particolare…
I carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli hanno fermato in via Gianturco alla guida della sua Renault Zhang Mingdong, un commerciante della Repubblica Popolare Cinese 42enne, residente a Marcianise, già noto alle forze dell’ordine.
L’uomo si è regolarmente arrestato all’alt intimatogli per controlli alla circolazione stradale.
Quando i carabinieri gli hanno contestato il fatto che non aveva messo la cintura di sicurezza e che lo avrebbero multato, il 42enne ha tentato di evitare la sanzione consegnando 40 euro e un biglietto della lotteria “gratta e vinci”, che i militari hanno scoperto essere “vincente”, a quanto emerso successivamente a insaputa del possessore.

 
I 40 euro e il biglietto fortunato (vincente ben 1.000 euro) sono stati sequestrati insieme alla somma di 4.500 euro rinvenuta nel cruscotto del veicolo, per il possesso della quale il 42enne non è stato in grado di fornire spiegazioni.
L’arrestato e’ in arma di rito direttissimo.