No antenne- Il comitato di San Rocco aspetta ancora una risposta dal sindaco

No antenne- Il comitato di San Rocco aspetta ancora una risposta dal sindaco

L’autorizzazione sconsiderata di un elevato numero di antenne per la radiofonia mobile nella nostra già martoriata frazione ha come principali responsabili la disattenzione e la noncuranza di tutta l’amministrazione comunale ed in particolar modo del Sindaco, che è, tra l’altro, il maggiore responsabile della salvaguardia della salute pubblica dei cittadini di Marano.

 

Riconosciamo che lei, Sindaco nella sostanza (ma non nella forma) abbia ammesso i propri errori ed abbia accolto gran parte delle nostre istanze. Siamo anche disponibili a partecipare alla redazione del regolamento per disciplinare l’installazione dei ripetitori su tutto il territorio di Marano, regolamento che coinvolga con azione retroattiva anche le antenne già esistenti (una delle sue promesse che ci auguriamo mantenga).

Tutto ciò, però, non l’assolve dalla sua “noncuranza”, non cambia assolutamente lo stato della nostra vertenza ma soprattutto non risponde alla richiesta che fin dall’inizio il comitato le ha sottoposto:

 

CARO SINDACO NOI NON VOGLIAMO LE ANTENNE A SAN ROCCO

 

E Lei, Sindaco, a questa richiesta, continua a non rispondere, nonostante la manifestazione di lunedì 22 settembre in cui abbiamo occupato le strade di Marano e in cui lei è stato costretto a scendere giù in strada per incontrare tutti noi:

 

Caro Sindaco, impedirà le installazioni previste sul territorio di San Rocco?

Caro Sindaco queste antenne, regolamento o non regolamento, le farà realizzare, si o no?

 

In sostanza, Le chiediamo di prendere una posizione “vera” e dare una risposta netta e incontrovertibile alla nostra richiesta. Le chiediamo di schierarsi apertamente con la comunità di San Rocco ed elaborare soluzioni alternative agli errori commessi fino ad oggi dalla sua amministrazione e che impediscano tassativamente l’installazione delle antenne la dove sono state autorizzate.

 

Ci sembra a dir poco scandaloso che lei chieda a noi, comunissimi cittadini, di trovare qualunque “cavillo tecnico-amministrativo” per annullare i procedimenti di autorizzazione in atto. Se la sua reale intenzione è procedere all’annullamento, caro sindaco, lei ha tutte le carte e tutte le competenze necessarie per far questo: ha un’intera amministrazione a disposizione! oltre al dovere morale nei confronti di quei tanti cittadini di San Rocco che l’hanno anche sostenuta.

 

Così come non accettiamo che lei, pur di non prendere una posizione netta si nasconda dietro il comodo paravento di ciò che le leggi prescrivono. Lei si pone tanti problemi “adesso”, fa attenzione a non violare le leggi che disciplinano il rapporto con le sociteà di telecomunicazioni e con i privati, quando, “prima” le facciamo notare, lei, le leggi le ha già violate, e proprio quelle leggi che invece servono a tutelare la collettività e precisamente la legge n. 36 del 22 febbraio 2001 che la obbliga ad informare con tutti i mezzi possibili la cittadinanza per l’installazione sul territorio di strutture potenzialmente dannose per la salute. In sostanza non capiamo se lei è il sindaco delle società di telecomunicazioni o è il sindaco che difende la salute dei propri cittadini.

 

Caro sindaco, pretendiamo da lei una risposta da amministratore politico e non da amministratore tecnico, nel qual caso potevamo tenerci il commissario prefettizio, ricordandole che la sospensione, da noi richiesta e avallata da lei, scadrà tra pochi giorni e la protesta sicuramente continuerà con un livello di coinvolgimento sociale sempre più ampio.