Calvizzano, bando non espletato nei tempi previsti: il Comune perde il diritto di prelazione per la farmacia comunale

Calvizzano, bando non espletato nei tempi previsti: il Comune perde il diritto di prelazione per la farmacia comunale

Sfuma la possibilità di allestire una farmacia comunale. L’ente cittadino non è riuscito ad espletare nei termini fissati dalla Regione, ovvero 120 giorni a partire dallo scorso 15 marzo, il bando di gara per ottenere il diritto di prelazione. In questo lasso di tempo, il Comune ha prodotto soltanto un atto di indirizzo, una delibera di Consiglio propedeutica al varo di una gara per l’affidamento di una farmacia (sarebbe stata la terza del territorio, ma con modalità diverse e tariffe agevolate rispetto a quelle gestite esclusivamente da privati), che non è stata però ritenuta sufficiente da Palazzo Santa Lucia. Contro il decreto emanato dalla Regione, il Comune potrà presentare un ricorso al Tar. La vicenda ha scatenato un vespaio di polemiche. All’attacco il consigliere di minoranza Biagio Sequino: “E’ l’ennesimo risultato negativo di una classe politica che ci governa da 30 anni e che non perde occasione per dimostrare la propria incapacità”.