Minacciava con un fucile l’amica per costringerla ad atti sessuali: arrestato 48enne

Minacciava con un fucile l’amica per costringerla ad atti sessuali: arrestato 48enne

I carabinieri della stazione di Qualiano hanno tratto in arresto un 48enne di Villaricca ritenuto responsabile di violenza sessuale e di violazione alla legge sulle armi.
I militari dell’arma sono intervenuti nella casa a Villaricca dell’uomo perché una 47enne bielorussa di professione badante, sua ospite da qualche giorno, dopo essersi rifugiata in bagno aveva chiamato il 112 chiedendo aiuto dopo essere stata picchiata, minacciata con un fucile e costretta ad atti sessuali contro la sua volontà che sarebbero continuati se non le fosse venuto in mente di trovare una buona scusa per rifugiarsi in bagno, fingendo di accondiscendere alle “pretese” di quello che credeva un amico.
I FATTI – Immediatamente intervenuti sul posto i carabinieri hanno bloccato il 48enne e soccorso la donna, che ha riportato contusioni varie guaribili in 5 giorni diagnosticate da sanitari dell’ospedale di Giugliano in Campania. In sede di denuncia la signora ha raccontato che negli ultimi giorni i suoi datori di lavoro erano andati in vacanza e che il 48enne, che conosceva per motivi di lavoro, si era offerto di farla soggiornare a casa sua ma poi aveva cominciato a provarci, in un primo tempo anche simpaticamente e poi via via con modi e toni sempre piu’ rudi e minacciosi. Il fucile usato per le minacce, illegalmente detenuto, è stato rinvenuto vicino al letto e sequestrato. L’arrestato è ai domiciliari in attesa di convalida dell’arresto.