Chiesto l’arresto di Luigi Cesaro: gare truccate per il PIP di Lusciano

Chiesto l’arresto di Luigi Cesaro: gare truccate per il PIP di Lusciano

Avrebbe fatto patti con il clan per ottenere illecitamente alcuni appalti nel comune di Lusciano, tra cui i lavori del P.I.P e la costruzione di un centro sportivo. La DDA ha per questo chiesto l’arresto di Luigi Cesaro, deputato di Forza Italia. I reati a lui imputati sono concorso esterno in associazione per delinquere di stampo mafioso, concorso in turbata libertà degli incanti ed illecita concorrenza con violenza e minaccia aggravati dall’aver agevolato il clan “dei casalesi” – fazione Bidognetti. I Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Caserta, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere.

L’indagine, avviata nel novembre 2008, ha acclarato l’esistenza di una collaudata e duratura connivenza di alcuni dei massimi esponenti della criminalità organizzata locale (quali BIDOGNETTI Raffaele, figlio di BIDOGNETTI Francesco detto Cicciotto ‘e Mezzanotte) con esponenti e funzionari dell’amministrazione comunale di Lusciano), e con soggetti di elevata statura imprenditoriale. Gli accordi erano finalizzati a garantire a imprenditori compiacenti, previo illecito guadagno da parte di tutti i soggetti interessati, l’aggiudicazione di gare d’appalto (o di assegnazione di lavori pubblici attraverso altre procedure) violando il rispetto delle norme di lecita concorrenza e di procedura di assegnazione degli appalti.

L’indagine rappresenta uno dei filoni che sono scaturiti dalle dichiarazioni di GUIDA Luigi, collaboratore di giustizia, che è stato il reggente del clan Bidognetti fra il 2000 ed il 2005 ed in questa veste ha tessuto i rapporti con esponenti della politica e dell’imprenditoria nella provincia di Caserta Villa Literno, Lusciano, Parete e Casal di Principe. Le sue dichiarazioni hanno già trovato riscontro nel processo Normandia che ha condotto alla condanna, anche in appello, per concorso esterno in associazione camorristica, di Nicola Ferraro, già consigliere regionale, e collettore dei rapporti fra il clan e la politica. Le informazioni del collaboratore sono state poi utilizzate nei processi nei confronti dei Sindaci di Castelvolturno e di Villa Literno, ancora in fase di giudizio di primo grado.

Di estrema rilevanza sono le risultanze scaturite dall’attività investigativa, supportata da acquisizione di documentazione amministrativa nonché di attività tecnica di intercettazione telefonica e ambientale, effettuata anche in uffici pubblici del Comune di Lusciano, corroborata da dichiarazioni di collaboratori di giustizia, che hanno consentito di dimostrare la connivenza della criminalità organizzata locale con l’apparato politico – amministrativo luscianese che estrometteva volontariamente imprenditori edili dalle principali gare d’appalto – tra cui i lavori del P.I.P. – relative alla realizzazione di opere pubbliche da compiersi nel Comune di Lusciano poiché già destinate illecitamente proprio a ditte indicate dal clan camorristico locale. Hanno inoltre permesso di accertare l’illecita agevolazione per l’aggiudicazione della gara relativa alla concessione per la progettazione, la costruzione e la gestione delle opere nella zona del P.I.P. – del Comune di Lusciano, dell’impresa “CESARO COSTRUZIONI GENERALI” di Sant’Antimo (CE), di proprietà dell’omonima famiglia di noti imprenditori casertani a cui appartiene anche l’On. Luigi Cesaro, attualmente deputato della Repubblica, tra i destinatari del provvedimento insieme ad altri due suoi fratelli. Le indagini hanno evidenziato la volontà del clan “dei casalesi” di attribuire il già citato remunerativo appalto all’impresa “CESARO”, che ha effettivamente poi ottenuto l’aggiudicazione della gara violando in maniera evidente e consapevole le norme di legge che regolano le procedure di controllo e aggiudicazione degli appalti. L’intervento della criminalità organizzata si è concretizzato attraverso una serie di azioni volte a turbare il regolare andamento della gara, arrivando finanche a disporre, per volere del clan, la sostituzione del capo Ufficio Tecnico del comune di Lusciano con un soggetto ritenuto più capace di garantire il perseguimento degli illeciti interessi perseguiti. L’impresa dei fratelli Cesaro poi, dopo essere stata dichiarata vincitrice della gara nel giugno del 2004, ha più volte sollecitato il Comune di Lusciano, minacciando anche di procedere a rivalsa di natura economica, per farsi affidare l’area delle operazioni per iniziare i lavori. I Cesaro, venuti a conoscenza della acquisizione documentale operata dalla polizia giudiziaria presso il Comune di Lusciano e dopo la pubblicazione di stralci delle dichiarazioni rese dai collaboratori di giustizia, hanno rinunciato all’affidamento dei lavori. Rilevanti, ai fini di prova dell’ipotesi accusatoria, appaiono le dichiarazioni di Vassallo Gaetano e di Guida Luigi anche il collaboratore di giustizia Diana Tammaro ha riferito in ordine al patto fra il clan ed i fratelli Cesaro. Le indagini hanno infine permesso di evidenziare le agevolazioni realizzate dagli amministratori comunali a favore dell’impresa “CESARO” anche per un bando relativo alla progettazione esecutiva, la costruzione e la realizzazione di un centro sportivo nel Comune di Lusciano, ai danni delle altre imprese interessate tra cui quella di un imprenditore che successivamente ha anche collaborato con la giustizia.