Ratificata la convenzione per la gestione dei Giudici di Pace

Ratificata la convenzione per la gestione dei Giudici di Pace

E’ stata ratificata oggi a Marano la convenzione tra i sei Comuni a nord di Napoli per la gestione associata dell’ufficio del Giudice di Pace. Marano, Calvizzano, Melito, Mugnano, Qualiano e Villaricca, uniti per garantire al proprio territorio l’importante presidio di legalità. Dopo l’iter burocratico che ha visto l’approvazione della convenzione dai Consigli comunali delle cittadine aderenti, il documento è giunto alla fase conclusiva alla presenza del vice Segretario Generale del Comune di Marano Luigi De Biase e del Vice Sindaco di Marano Teresa Giaccio che ha seguito personalmente le fasi del progetto.

Presenti al tavolo Angelo Liccardo Sindaco del Comune di Marano, Francesco Gaudieri Sindaco del Comune di Villaricca,  Gennaro Maisto Assessore del Comune di Melito, Giuseppe Salatiello Sindaco del Comune di Calvizzano, Antonio Castaldo Vice Sindaco del Comune di Qualiano, Ciro Silvestro sub commissario prefettizio del Comune di Mugnano.

La Sezione Distaccata di Marano di Napoli dell’Ufficio del Giudice di Pace di Napoli Nord, avrà sede nei locali disponibili del Comune di Marano in via San Escrivà de Balaguer, e avrà competenza sui territori dei comuni di Giugliano, Marano di Napoli, Melito, Mugnano di Napoli, Qualiano e Calvizzano.

Gli enti convenzionati individuano il Comune di Marano di Napoli  quale soggetto capofila.

Ogni Comune ha indicato i nominativi dei propri dipendenti che saranno distaccati negli uffici amministrativi del Giudice di Pace. Il personale sarà inserito a metà luglio in un adeguato programma formativo che consentirà l’operatività degli uffici a fine settembre.

“Un traguardo per l’intero territorio – dichiara il primo cittadino Angelo Liccardo – in tal modo sarà garantito un importante e necessario presidio di legalità. E’ un eccellente risultato che testimonia la dedizione, la volontà, l’impegno di tutti gli amministratori. Grazie alla convenzione ratificata, l’area a nord di Napoli potrà continuare ad usufruire di un valido strumento di giustizia nella città di Marano”.