Rapinatori giuglianesi in trasferta, presi dopo un colpo a una gioielleria

Rapinatori giuglianesi in trasferta, presi dopo un colpo a una gioielleria

Rapinatori in trasferta. Tre giovani, di cui due minorenni, di Giugliano e Villaricca, sono stati arrestati subito dopo aver effettuato una rapina ai danni di una gioielleria di Cellole.

IL COLPO – Erano circa le 18.00 quando i due balordi, di cui uno armato di pistola, risultata poi essere a salve, sono entrati all’interno della gioielleria e, minacciando i proprietari, si sono impossessati di numerosi monili per un valore di diverse migliaia di euro. Ad attenderli all’esterno il terzo complice a bordo di un’autovettura, poi risultata rubata.

L’ARRESTO – I Carabinieri della Compagnia di Sessa Aurunca e del nucleo operativo di Mondragone, subito allertati dal proprietario della gioielleria, sono riusciti a stanarli poco dopo la fuga. I tre giovanissimi rapinatori avevano infatti abbandonato l’auto utilizzata per il colpo con all’interno la refurtiva. La fuga però durerà molto poco: i tre sono stati poi arrestati mentre tentavano di dileguarsi a piedi. Per il maggiorenne M.G. del 1995 si sono aperte le porte della Casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, mentre per i due minori quelle del centro di prima accoglienza di Napoli. La refurtiva è stata poi restituita al proprietario della gioielleria.