Speciale Elezioni Europee Marano. Il PD primo partito ma il pieno delle preferenze lo fa Martusciello

Dopo la vittoria di Liccardo alle scorse comunali, Marano torna al Pd che con 5917 voti è il primo partito (32,08%) seguito dal M5S che lo tallona con 5138 voti e un ottimo 27,85%. Forza Italia terza con il 23,45% e 4326 voti comunque sopra la media provinciale. Qui per il dato in controtendenza è il 7% e i 1300 voti del Nuovo Centro Destra – UDC che portano il marchio dell’attuale presidente del Consiglio Regionale Iacolare. Tsipras si ferma a 915 voti quasi il 5% (era appoggiato da Bertini e la Fanelli).

Clicca e leggi tutti i dati

PREFERENZE. PD Caputo 564, Paolucci 523, Picierno 474, Ferrandino 407, Cozzolino 377, Miranda 348, Capone 295, Pittella 256. M5S Ciambrino 345, Alemagna 321, Adinolfi 289, Viglione 275. Forza Italia anche se è terzo partito dimostra di avere il gruppo più forte in termini di preferenze con Martusciello che vola a 1233, sostenuto sia da Di Guida che Liccardo, Matera 695, Fitto 558, Mastella 285, Rivellini 254. Nel NCD Cesa 594 (sostenuto da Iacolare) D’acunzi 386.

I PIU’ VOTATI.

1) Martusciello (FI) 1233

2) Matera (FI) 695 3) Cesa (NCD) 594

4) Caputo (PD) 564

5) Fitto (FI) 558

SCORSE POLITICHE. Il PD rispetto a 15 mesi fa recupera solo 500 voti ma ben 13 punti percentuali, Fi perde invece un 7% e la metà dei suoi voti (era a 8868). Grillo anche perde 2400 voti (era 7,561). Difficile confrontare il risultato di NCD e TSIPRAS. C’è da dire che nel 2013 a Marano si votò anche per le amministrative e questo elevò l’affluenza che comparata con lo scarsissimo 41% di ieri spiega come il PD con soli 500 voti in più abbia recuperato un 13%.

Dopo la vittoria di Liccardo alle scorse comunali, Marano torna al Pd che con 5917 voti è il primo partito (32,08%) seguito dal M5S che lo tallona con 5138 voti e un ottimo 27,85%. Forza Italia terza con il 23,45% e 4326 voti comunque sopra la media provinciale. Qui per il dato in controtendenza è il 7% e i 1300 voti del Nuovo Centro Destra – UDC che portano il marchio dell’attuale presidente del Consiglio Regionale Iacolare. Tsipras si ferma a 915 voti quasi il 5% (era appoggiato da Bertini e la Fanelli).