Premio il racconto nel cassetto ieri il gran finale

Premiati i vincitori dell’XI edizione premio letterario nazionale “Il Racconto nel Cassetto – Premio Città di Villaricca”.

Valente:”Pronti ad esportare fuori regione il marchio del premio letterario e un’immagine più positiva di questo territorio”.

Madrina della serata di Gala l’attrice Rosaria De Cicco. Gino Rivieccio tra gli ospiti del mondo dello spettacolo.

È salito sul palco a ritirare il premio sulle note de “La leggenda del pianista sull’oceano” di Morricone , Mauro Biagini, di Savona, vincitore con il racconto”Condominio Italia”, dell’undicesima edizione del concorso nazionale “Il Racconto nel Cassetto – Premio Città di Villaricca”, promosso dall’Ali, presieduta da Pietro Valente, col patrocinio di Comune e Ordine dei giornalisti. “Ha affrontato un tema caro ai nostri tempi: l’informazione televisiva e la carenza di democrazia, così come vengono sentite dalle famiglie che vivono in un condominio popolare” , recita la motivazione. “Credo che ormai il premio sia maturo per diventare itinerante sul territorio nazionale e trovare, con la promozione di più eventi dedicati alla scrittura, altri luoghi da affiancare a Villaricca senza l’intenzione di abbandonare questo territorio ma di farlo crescere assieme al premio e alla casa editrice Cento Autori, che è nata per sostenere i nostri talenti”, annuncia Valente, che ha consegnato il primo premio. Seconda classificata la siciliana Noemi Turino con l’opera “Oltre la prima pagina”, premiata dal presidente della giuria, il giornalista Ermanno Corsi, che affronta il tema del “sogno separatista della Sicilia che vede protagonisti dei giovani cronisti nel dopoguerra”.
Si è piazzata terza Fiorella Borin, di Milano, con “Saxa Rubra”, premiata dal giornalista Pietro Treccagnoli, che affronta con “grande efficacia il dramma della violenza sulle donne evidenziando gli effetti culturali e sociali del femminicidio”. “Quest’anno i racconti finalisti si inquadrano in un comune quadro narrativo, quello dei mass media e della società tecnologica”, dice il presidente Ermanno Corsi.
Sezione Fiabe e racconti per ragazzi. Per la sezione fiabe il primo classificato è Luigi De Rosa, di Piano di Sorrento, con “Tutta la vita davanti”. Ha consegnato il premio, il sindaco Francesco Gaudieri. Seconda classificata, la toscana Roberta Pieraccioli con “Vannino e il filone di pane”, premiata dal giornalista Nico Pirozzi. Terza Paola Saba, da Vicenza, con “Massimo l’imperativo”, premiata dallo scrittore Pino Imperatore. I finalisti si dividono un montepremi di diecimila euro e la pubblicazione dell’opera con la casa editrice Cento Autori. Una menzione speciale è stata assegnata alla scrittrice in gara con “Una lunga notte” Alessandra D’Antonio, “per il messaggio di speranza sulla legalità”. Riconoscimento consegnato da Teresa Meo, coordinatrice giuria popolare, assieme al generale dell’Arma Carmine Adinolfi.
I finalisti sono stati selezionati tra i 721 scrittori emergenti che a gennaio scorso si erano messi in gara da tutt’Italia e dall’estero, con lavori in arrivo anche dagli Usa, Danimarca e Spagna. “Anche quest’anno la qualità è molto alta e gli aspiranti scrittori partecipano volentieri perché questo premio si è accreditato a livello nazionale per serietà e credibilità”, aggiunge il presidente Corsi.

La cerimonia. Hanno aperto lo spettacolo che ha animato la cerimonia di premiazione, condotta da Giancarlo De Simone e dall’attrice Rosaria De Cicco, i due mimi Simona Di Maio e Sebastiano Coticelli della compagnia teatrale “Il teatro nel baule”. Accolta con tanto calore da parte del pubblico, con il magistrato Giovanni Conzo, anche l’esibizione di Salvatore Gatto, accompagnato dalle corde di Daniele La Torre, nello spettacolo delle “Guarrattelle”, e dell’attrice Marianna; mentre la chiusura dello spettacolo è stata affidata all’attore Gino Rivieccio