Marano, valzer di deleghe all’orizzonte? Se ne parla con insistenza negli ambienti comunali

Marano, valzer di deleghe all’orizzonte? Se ne parla con insistenza negli ambienti comunali

Un valzer di deleghe prima dell’avvento della stagione estiva e del vero e proprio rimpasto autunnale? E’ quanto – secondo i soliti bene informati – starebbe preparando il sindaco Angelo Liccardo. Deleghe da affidare a giugno, all’indomani del voto per le europee, ad alcuni consiglieri (circolano i nomi di Salvatore De Stefano e Marco Tagliaferri) ma anche a soggetti esterni alla compagine governativa e a quella consiliare: giovani che si erano impegnati durante la scorsa campagna elettorale, riportando anche un buon successo personale, ma poi rimasti a bocca asciutta. Le deleghe da rimescolare, alcune delle quali detenute attualmente dal vicesindaco Giaccio, sarebbero quelle allo Sport, Spettacolo, Cultura e, forse, quella alle Politiche sociali. Sul fronte portavoce, intanto, slitta di qualche giorno (fino al 16 maggio) la possibilità di poter presentare domanda al Comune. Lo slittamento è dovuto all’ampliamento della rosa dei titoli di studio (è stato abolito il vincolo delle tre lauree indicate in un primo tempo) previsti nell’avviso pubblico diramato dall’Ente.