Expo 2015 nella bufera, scelto Raffaele Cantone per vigilare l’evento

Expo 2015 nella bufera, scelto Raffaele Cantone per vigilare l’evento

Il nuovo presidente dell’Autorità Nazionale sulla corruzione, il giuglianese Raffaele Cantone, è stato scelto dal premier Matteo Renzi per vigilare sui preparativi dell’Expo 2015 di Milano, travolto in questi giorni dallo scandalo tangenti.

Il premier toscano ha grande fiducia nel magistrato antimafia: “Cantone saprà rimettere a posto le cose a Milano. Bisogna fermare i responsabili e non le grandi opere. Se ci sono problemi con la giustizia, si devono fermare i responsabili e non le grandi opere”.

Il governo vuole una grande task force composto da un pool di avvocati e magistrati, esperti della DIA nonché il Parlamento e l’uomo giusto per guidare questo staff d’eccellenza sarà gestito proprio dal magistrato antimafia che martedì andrà a Milano per incontrare il commissario unico, Giuseppe Sala.

Supporto anche dal governatore leghista, presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni che parla di un “Bene se il governo incarica Raffaele Cantone di seguire Expo: è magistrato capace che stimo molto, piena collaborazione da @LombardiaOnLine” affidando i propri pensieri alla pagina Twitter.

Solidarietà anche dal Ministro dell’Interno Angelino Alfano: “Mi sembra una buona idea quella di rafforzare ulteriormente il versante anticorruzione”.