Marano, niente più sorteggio: si torna alla nomina diretta degli scrutatori. Sei per ogni consiglieri e il resto a sindaco e giunta

Marano, niente più sorteggio: si torna alla nomina diretta degli scrutatori. Sei per ogni consiglieri e il resto a sindaco e giunta

Niente più sorteggio, si torna alla nomina diretta per la designazione degli scrutatori. Va dunque in archivio, almeno per la tornata elettorale delle europee, il sistema adottato nelle precedenti ultime due tornate elettorali, quando la commissione elettorale del Comune (amministrazione Cavallo e gestione commissariale) optò per la procedura del sorteggio. Ogni consigliere – secondo gli accordi che sarebbero stati raggiunti nelle ultime ore – potrà designare sei scrutatori, per un totale di 144 persone che potranno essere smistate ai seggi il prossimo 25 maggio. Nelle mani del sindaco Angelo Liccardo rimarrà invece l’altro gruzzoletto di scrutatori, tra le 50 e le 56 persone, alcune delle quali saranno indicate dai rappresentanti della sua giunta. La commissione elettorale di Marano è attualmente composta dai consiglieri Biagio Baiano, Luigi Di Marino, Marco Tagliafferri (tutti di maggioranza) e dal sindaco Angelo Liccardo.