Giugliano, un anno di commissariamento per camorra. Il bilancio della triade prefettizia

Giugliano, un anno di commissariamento per camorra. Il bilancio della triade prefettizia

Ad un anno dallo scioglimento per infiltrazioni camorristiche del Comune di Giugliano i commissari prefettizi hanno deciso di tenere una conferenza stampa riassuntiva del loro primo anno di attività. Ad aprire i lavori il commendatore Guetta che si è soffermato sul mercato ortofrutticolo, sui lavori di ristrutturazione che stanno per giungere al termine e sulla messa in regola delle concessioni che, a loro detta, sino a questo momento, non erano mai state rilasciate. “Deve essere un volano di sviluppo per la città” ha affermato. Dopo di lui Giombini ha snocciolato i dati della differenziata che hanno raggiunto il 49%. “Abbiamo iniziato a fatica, ma adesso stiamo cercando di mettere tutto a punto. Per meglio controllare le campagne e gli sversamenti abusivi sono arrivati a Giugliano anche i militari, da noi richiesti già in tempi non sospetti”.

Ultimo a prendere la parola Colucci che ha affrontato vari temi. Dalla questione Tares sulla quale ha dichiarato: “Abbiamo applicato le tariffe in base alle spese che abbiamo trovato. Non è stata colpa nostra” per poi arrivare al nodo cimitero: “Stiamo prevedendo un ampliamento perché non c’è più spazio per sotterrare i defunti. Abbiamo avviato anche uno studio per prevedere un secondo cimitero”. Poi ha parlato delle opere pubbliche: “Partiranno a breve i lavori per il corso Campano e siamo riusciti anche a recuperare i fondi per i lavori di ristrutturazione della scuola media Basile”. Riguardo le scuole i commissari hanno dato altre buone notizie. A breve, infatti, partiranno i lavori per due nuovi asili nido, uno nella ex abitazione del custode in via Rosa Agazzi, l’altro nell’edificio della villa comunale.

Poi hanno risposto alle domande dei giornalisti.

QUESTIONE GUARDIE AMBIENTALI. La prima questione è stata quella delle guardie ambientali: Giombini ha chiarito che la scelta è stata fatta “perché l’ente ha individuato i requisiti a differenza di altri di elevare sanzioni. La convenzione è fatta con la provincia di Caserta non con un associazione”.

QUESTIONE STIPENDI E RIMBORSI. Sul tema rimborsi i commissari hanno chiarito che il loro stipendio è di 3500 euro ed è pagato dal Ministero dell’Interno e i rimborsi sono solo per la benzina e non per altre spese come il vitto o l’alloggio.

CONDIZIONAMENTI E PROROGA. Per quanto riguarda le infiltrazioni camorristiche, Guetta ha detto: “C’è un nemico occulto che stiamo combattendo, infatti già due contratti sono stati sciolti. Non possiamo dire altro. C’è in corso l’iter anche per valutare l’incandidabilità di alcuni ex consiglieri. Ma al termine del nostro mandato restituiremo un comune più a braccetto con la legalità”.

UN PROGETTO DI FINANZA PER IL CINEMA E IL DE CRISTOFARO. Sono partite inoltre tre procedure per i progetti di finanza per lo stadio, il cinema e il centro sportivo di Liternum.

SPIAGGE E BALNEABILITA’. Per quanto riguarda le spiagge i commissari vogliono prevedere un nuovo piano spiagge, ma hanno ribadito che, per quanto riguarda i sequestri, tutto dipende dalla magistratura. “Il piano spiagge fatto in passato era totalmente non in linea con la normativa” ha detto Giombini.

PUC E ABUSIVISMO. Il Puc va avanti e saranno coinvolti anche i cittadini. Per l’abusivismo ci siamo trovati una condizione difficilissima con 12000 pratiche inevase. Stiamo cercando di fare il possibile cercando di esternalizzare il servizio di istruttoria delle pratiche che poi saranno vagliate sempre dal dirigente.