Marano, Piu Europa: due nuovi progetti e il mistero di quelli non ancora avviati.

Marano, Piu Europa: due nuovi progetti e il mistero di quelli non ancora avviati.

Continua a tenere banco la questione Piu Europa e il mistero sui lavori non ancora iniziati in via Pepe, a ridosso della villa comunale del Ciaurro, e in via Marano-Pianura. Il Comune, con un atto siglato nei giorni scorsi in Regione, ha sottoscritto un accordo di programma per nuovi interventi da realizzare (i bandi devono essere indetti dalla Stazione unica appaltante) nel cuore antico della città: via Casalanno, corso Vittorio Emanuele e arterie adiacenti. Ma ora, dopo mesi di impasse legati a contenziosi giudiziari, lungaggini dovute a molteplici aspetti, è tempo di serrare i ranghi per i progetti di via Pepe e via Marano-Pianura.

Nel primo caso, dopo aver tentato la strada della mediazione bonaria con gli occupanti abusivi della casa e del terreno prospiciente alla caserma dei vigili, la vicenda pare si stia incanalando nella giusta direzione. Nei prossimi giorni i tecnici comunali prenderanno finalmente possesso dell’area oggetto dell’intervento, lasciando una parte del terreno (acquisita impropriamente dal Comune) ai due agricoltori e occupanti abusivi. La presa di possesso delle nuove aree sarà cura del nuovo responsabile di procedimento, con ogni probabilità Tommaso Gallucio, che subentrerà a Giovanni Napoli.

Che fine abbia fatto, poi, l’ordinanza di sgombero, firmata ad agosto dal dirigente dell’area tecnica, dell’appartamento sorto sulla parete retrostante della caserma dei vigili, non è ancora dato saperlo. Ancora incerta è la sorte dell’intervento previsto in via Marano Pianura, anch’esso in stand-by poiché non si è ancora provveduto all’abbattimento di un capannone abusivo presente sull’arteria.