Nizza, spunta l’ordine choc del Governo: “cancellate tutto”

Continuano a far parlare i fatti di Nizza dove la scorsa settimana trovarono la morte per mano di un estremista più di 80 persone. 

Questa volta però sotto accusa è finito il Governo che a quanto rivela il quotidiano Liberation abbia di fatto obbligato un agente a riferire che  in determinati luoghi era presente la Polizia di Stato e che invece a quanto emerge dai video di sorveglianza non pare essere presente in alcuni posti chiave. 

Proprio per questo pare che siano arrivati ordini, come riporta anche l’Ansa, di cancellare tutti i video girati nelle ultime 24 ore dall’attentato. Secondo la fonte ufficiale per “ordine pubblico” ma in verità pare più che il vero motivo sia proprio la volontà di cancellare tutte le prove delle falle nei sistemi di sicurezza ed in particolare la presenza dei soli Vigili Urbani ai posti di blocco.