Due fratelli scovati in casa con 700 grammi di marijuana. Carabiniere si rompe le ossa nell’inseguimento

Due fratelli scovati in casa con 700 grammi di marijuana. Carabiniere si rompe le ossa nell’inseguimento

Questa notte, a Giugliano, i carabinieri della locale compagnia hanno tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio e per resistenza a pubblico ufficiale Roberto Turcio, 26enne e, solo per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio, Fabio Turcio, 28enne, fratello di Roberto, entrambi residenti a Giugliano in via Carafiello, operai e già noti alle forze dell’ordine.

 

I due sono stati trovati in possesso durante perquisizione domiciliare di ben 700 grammi di marijuana, 200 dei quali già confezionati e pronti per l’eventuale spaccio, e di un bilancino di precisione. Roberto Turcio alla vista degli operanti si è dato a precipitosa fuga a piedi ma e’ stato comunque raggiunto e bloccato. Dopo l’inseguimento, mentre lo bloccava, un maresciallo si è procurato una frattura del 4 distale e diafisi del 5 metacarpo della mano destra guaribili in 25 giorni. gli arrestati sono stati tradotti nella casa circondariale dioggioreale.