Marano, la nuova iniziativa editoriale arriva in giunta. In discussione la revoca del patrocinio comunale

Marano, la nuova iniziativa editoriale arriva in giunta. In discussione la revoca del patrocinio comunale

La revoca del patrocinio morale del Comune è in discussione stamani. Sarà la giunta comunale insomma ad esprimersi sulla nuova e contestata iniziativa editoriale (“Il mensile di Marano”) patrocinata dall’ente cittadino. L’associazione “Musica e canto”, promotrice di un’iniziativa nata e presentata come progetto giornalistico scolastico, ha ottenuto il patrocinio morale del Comune sulla scorta di una proposta portata in giunta dagli assessori Domenico D’Ambra e Teresa Giaccio e poi accolta dall’esecutivo lo scorso 6 febbraio. In pratica il Comune, con un provvedimento senza precedenti e che lascia quantomeno allibiti, ha concesso alla suddetta associazione – così è scritto nella delibera in questione – “l’utilizzo del logo del Comune in tutti gli strumenti comunicativi e di sponsorizzazione del progetto”. Il giornale (è opportuno ricordarlo) ha fatto la sua apparizione in città lo scorso venerdì. Al suo interno fanno bella mostra di sé ben tre articoli integralmente copiati da altri portali dell’hinterland a nord di Napoli; il prezzo di copertina è di 50 centesimi (qualche edicolante ha venduto alcune copie); è infarcito di sponsor (almeno una trentina); il logo del Comune, esposto in bella mostra, fa pensare ad un’operazione completamente promossa dall’ente cittadino; non vi è traccia di un direttore responsabile; non risulta esser stato registrato al tribunale (né tantomeno c’è una richiesta in tal senso) e, come se non bastasse, gli articoli – che dovrebbero essere redatti da studenti – sono in alcuni casi incentrati su vicende strettamente politiche. Se il progetto originario è stato disatteso, così come confermato da uno degli assessori proponenti, non resta che revocare immediatamente il patrocinio concesso dal Comune e diffidare gli autori del progetto dall’utilizzo del logo. Marano, la nuova iniziativa editoriale arriva in giunta. In discussione la revoca del patrocinio comunale.