Guasto rete idrica, divampa la polemica sulla gestione dell’emergenza. Partiti e consiglieri di minoranza attaccano l’Amministrazione

Guasto alla condotta idrica e avvisi alla cittadinanza, divampa la polemica dopo il mancato ripristino della fornitura. Contro l’amministrazione cittadina si scagliano partiti e consiglieri di minoranza. Durissimo il comunicato diramato dal Partito democratico. “Molti cittadini di Marano non sapevano nulla e con il guasto che non si è riparato, come si fa fino a domani? L’interruzione della fornitura idrica di queste ultime ore è l’ennesimo sintomo della sciatteria e del disinteresse dell’amministrazione cittadina per i problemi della collettività – spiega il segretario Matteo Morra – L’intervento tecnico dell’ABC (ex Arin) sulla rete era ampiamente programmato ed è stato comunicato al Comune il 27 febbraio. Come mai non ne è stata data notizia per tempo alla cittadinanza? Perché non si è provveduto a un’informazione dettagliata e capillare nelle zone interessate e ci si è limitati invece a un comunicato tardivo e impreciso pubblicato sul sito web del Comune? Possibile che non si sia pensato agli anziani, o a tutti coloro che non sono in grado o non hanno avuto la possibilità di accedere a Internet? Forse l’amministrazione era troppo presa dalla ricerca della soluzione alla crisi di maggioranza, per preoccuparsi dei cittadini”. Sulla stessa falsariga anche il consigliere Pasquale Coppola: “Avere pubblicato la notizia di interruzione erogazione acqua sul sito del Comune – dice – non ripara l’amministrazione comunale nel suo insieme politico e amministrativo da un altra brutta figura”. Analoghe critiche anche da parte dal consigliere Alessandro Recupido e dal segretario cittadino di Sel Stefania Fanelli e dagli attivisti del Movimento cinque stelle. Ieri il sindaco Liccardo, con un’apposita ordinanza, aveva disposto la chiusura di tutte le scuole del territorio. Il guasto, che doveva essere riparato entro le 12 di ieri, si è rivelato più grave del previsto. Il ripristino dell’erogazione dell’acqua è previsto per la tarda mattinata, ma molte zone della città devono fare i conti anche con problemi legati all’elettricità e pertanto, almeno per i piani superiori degli edifici, non si escludono ulteriori disagi.

 

4.03.14

Guasto alla condotta idrica, l’intervento non dà gli esiti sperati. I disagi per i cittadini, in gran parte residenti a Marano, Mugnano e nei quartieri napoletani limitrofi (Chiaiano e Scampia), si protrarranno fino alla tarda mattinata di domani. L’annuncio dei giorni scorsi, che dava per certo il ripristino dell’erogazione idrica entro le 12 di oggi, si è rivelato fallace. Per questo motivo il sindaco di Marano, Angelo Liccardo, ha disposto la chiusura – per motivi igienico-sanitari e dopo aver contattato i tecnici della società Acqua bene comune Napoli – delle scuole sul territorio di Marano. Un’analoga decisione, nella giornata di domani, potrebbe essere adottata anche dal suo omologo di Mugnano, Giovanni Porcelli.