Ripartiti i lavori al teatro comunale, entro l’estate la consegna. Porcelli: “un polo culturale per tutta Napoli Nord”. Foto e Video

Ripartiti i lavori al teatro comunale, entro l’estate la consegna. Porcelli: “un polo culturale per tutta Napoli Nord”. Foto e Video

[ot-gallery url=”http://www.teleclubitalia.it/gallery/teatro-comunale-mugnano/”]

Sono ripartiti da una settimana i lavori al Nuovo Teatro Comunale di Mugnano. La struttura di via Cesare Pavese, alle spalle della scuola media Illuminato, dovrebbe essere consegnata alla città la prossima estate.

Oltre 400 posti a sedere, un palcoscenico e dei camerini: un teatro a tutti gli effetti. Il primo polo culturale della città dove potranno esibirsi compagnie teatrali, giovani studenti, artisti e appassionati di teatro, e dove i cittadini potranno finalmente assistere a spettacoli senza dover percorrere chilometri. L’opera si inserisce in una zona che sarà interamente riqualificata: oltre al primo complesso tennistico del territorio, l’amministrazione ha richiesto un finanziamento regionale per ammodernare tutta l’area, una delle più popolose di Mugnano.

“Il teatro comunale sarà un importante spazio culturale non solo per Mugnano, ma dovrà essere un riferimento per tutta l’area a nord di Napoli – ha dichiarato il sindaco Porcelli – Stiamo realizzando uno dei teatri più moderni ed efficienti di tutto il comprensorio. Abbiamo ereditato un’opera incompiuta, ma con la nostra perseveranza siamo riusciti innanzitutto a sbloccare il finanziamento regionale e poi a stanziare fondi comunali facendo uno sforzo economico importante ma che crediamo doveroso per i nostri concittadini, soprattutto per i più giovani”.

“La ripresa dei lavori è motivo di grande soddisfazione – ha affermato l’assessore Iacolare – Dotare la città di strutture idonee, come lo sarà il teatro, è un ottimo incentivo per la diffusione di cultura sui nostri territori. E’ doveroso da parte mia ringraziare l’ingegnere Savanelli e tutto l’ufficio dei lavori pubblici per la fattiva collaborazione quotidiana”.