Un consigliere vuole tagliare i costi della politica: ci riuscirà? 

Mercoledì 30 marzo andrà in discussione nel Consiglio Comunale di Pozzuoli la mozione del consigliere Nicola Della Corte per la riduzione dei costi della politica nel Comune di Pozzuoli. L’abbattimento, secondo la proposta del consigliere puteolano, è da ottenersi attraverso due punti essenziali: 1) convocare le sedute del Consiglio Comunale di mattina e 2) limitare le riunioni delle Commissioni Consiliari Permanenti ad una media di tre incontri la settimana ed una più efficiente distribuzione del calendario delle sedute. Una riduzione dei costi della politica mirata sostanzialmente all’ottenimento di una maggiore efficienza economica del Comune di Pozzuoli e non dettata da meri fini demagogici.
“È un operazione politica di grande importanza, innanzitutto per i cittadini puteolani che potranno godere di una maggiore disponibilità di fondi comunali che potranno essere destinati a servizi di pubblica utilità o al miglioramento delle infrastrutture comunali. Volendo portare qualche esempio, si potrebbero sistemare gli scuolabus inutilizzati perché il nostro comune non ha fondi per ripararli, si potrebbero accompagnare a scuola ragazzi disabili, si potrebbe migliorare la qualità della vita degli anziani con interventi virtuosi, prevedere ed attrezzare delle aree per bambini e valorizzare aree di interesse turistico e anche dotare di una WiFi gratuita molte parti di Pozzuoli” dichiara il consigliere Della Corte. “Dovrebbe essere una priorità di tutti fare il proprio dovere per ridurre i costi della politica e mettere in campo operazioni di questo tipo. Per questo vorrei chiamare anche i cittadini puteolani a fare pressione sui loro rappresentanti in consiglio comunale, in modo da avere il numero per poter attuare questa riforma”.
Il consigliere Della Corte porta infatti avanti questa sua proposta dall’inizio della consiliatura, riuscendo a radunare per ora un piccolo gruppo di consiglieri che condividono la sua proposta. Minore fortuna ha avuto però nella discussione della mozione in quanto, nonostante reiterate sottomissioni della proposta attraverso i canali ufficiali, questa non ha mai avuto discussione ufficiale. Solo adesso, dopo una lunga battaglia politica interna al Consiglio, la sua mozione è stata inserita all’Ordine del Giorno.
Per quanto riguarda le difficoltà avute nella messa all’ordine del giorno, ha aggiunto “Certo, le vecchie abitudini sono difficili da eliminare, soprattutto se sono radicate. Ma la possibilità di liberare 500.000 euro da un utilizzo passivo per investirle in attività che migliorino la vita dei puteolani è una operazione che va fatta, e per la quale sono certo che avrò il sostegno dei miei concittadini e dei colleghi consiglieri.”
Nell’ambito della campagna a sostegno della proposta è stato lanciato anche l’hashtag #BastaCostiDellaPolitica, con il quale aiutare i cittadini a concentrare il discorso sui social e aumentare il livello di attenzione mediatica.