Giugliano, avvisi di garanzia per i rifiuti speciali e tossici non rimossi in via Bosco a Casacelle. Coinvolti ex dirigenti comunali e forse ex sindaci

Giugliano, avvisi di garanzia per i rifiuti speciali e tossici non rimossi in via Bosco a Casacelle. Coinvolti ex dirigenti comunali e forse ex sindaci

Otto avvisi di garanzia notificati ad ex amministratori ed ex dirigenti comunali del settore ambiente per lo smaltimento illegale di rifiuti in via Bosco a Casacelle. Lo ordina la Procura di Napoli e ad attenderli pare ci siano anche due ex sindaci, Francesco Taglialatela e Giovanni Pianese. Lo rivela il quotidiano il Mattino. Pare però che i due non abbiano ricevuto ancora nulla. Per adesso sarebbe arrivato solo il carteggio destinato ai dirigenti, consegnati dagli agenti di polizia municipale.

Sotto accusa i grandi sacchi bianchi, 50 circa, contenenti rifiuti speciali, ma mai rimossi. Ma non solo non sono stati rimossi, molti sono stati dati alle fiamme nelle decine di roghi appiccati in via Bosco a Casacelle. Dal Comune è partita la richiesta dell’Arpac per caratterizzare i rifiuti accatastati da 5 anni. I commissari e la dirigente attuale invece stanno per pubblicare un bando per lo smaltimento dei rifiuti speciali e pare siano esenti dagli avvisi di garanzia. Il punto è questo com’è possibile che una ditta venga a rimuovere i rifiuti, li chiuda in dei sacchi e li lasci lì a marcire per giorni e giorni, mesi ed anni senza rimuoverli lasciandoli alla mercé dei roghi tossici? In effetti qualcosa che non torna c’è ma sarà la Procura a chiarirlo. Per adesso ciò che è certo è che il palazzo è di nuovo nell’obiettivo della magistratura.