Mugnano, mosse e contromosse tra l’Udc e l’Idv. Micillo: “Le mie dimissioni per uscire dall’impasse”

Mugnano, mosse e contromosse tra l’Udc e l’Idv. Micillo: “Le mie dimissioni per uscire dall’impasse”

Mugnano. Politica in primo piano e acque agitate, anzi agitatissime anche a Mugnano. I fatti. Ieri, con una mossa a sorpresa, il vicesindaco Ezio Micillo ha rimesso le sue deleghe nelle mani del primo cittadino Giovanni Porcelli. Nessuna dimissione formale, ma un atto, un segnale forte lanciato alla vigilia del rimpasto ad altre forze e personaggi della sua stessa maggioranza. “E’ un gesto finalizzato a smuovere la situazione – spiega Micillo – E’ inutile andare avanti in questo modo. E’ un segnale, il mio, che lancio a tutti quelli che pensano solo alle poltrone”. Riferimenti, anche se non diretti, tesi a colpire coloro, in primis alcuni esponenti dell’Idv, che hanno disertato l’ultimo Consiglio comunale, saltato per mancanza di numero legale. Una seduta di civico consesso che avrebbe dovuto sancire la surroga del consigliere Raffaele Guarino e l’ingresso di Giovanna Della Corte. Per le prossime ore è attesa la contromossa dell’Idv, che sembrerebbe pronto ad emulare il gesto di Micillo e a rimettere nelle mani del sindaco anche le deleghe del loro assessore. La palla intanto passa nelle mani di Giovanni Porcelli, che mercoledì – nel corso di un’attesissima conferenza stampa – comunicherà tra l’altro i nomi dei suoi nuovi assessori.

Il comunicato di Micillo

“In questi giorni siamo stati costretti ad assistere all’ennesima performance dei soliti noti, che per una autoselezione naturale si possono distinguere in: irresponsabili (detti anche ignavi) e doppio-giochisti. Gli irresponsabili sono quelli che nel corso del mandato nulla di buono hanno prodotto e che, possiamo anche dire, che nulla hanno inciso nelle scelte e nell’azione amministrativa. Questi, con la loro assenza in Consiglio Comunale, hanno dato forza a chi aveva interesse a far mancare il numero legale. I doppio-giochisti, sono coloro che stanno in questa maggioranza, anche ricoprendo ruoli importanti, nel contempo hanno, per esempio, partecipato alle primarie del P.D., dichiarando anche pubblicamente di farne parte o di sentirsi parte. Ovviamente non abbiamo nessun pregiudizio verso il P.D. ma solo verso coloro che hanno comportamenti ambigui. A tutti costoro (irresponsabili e doppio-giochisti) chiediamo che pongano in essere un atto di dignità personale e politico. Lascino spazio a chi ha più tempo e, sicuramente più fervore politico, affinché questi si possano impegnare, unitamente con la parte sana di questa maggioranza, sul programma  che ci siamo proposti di attuare per il bene e la crescita della città di Mugnano.

Il nostro modo di intendere e di fare politica è assolutamente diverso da quello praticato da questi “lestofanti”, che tra l’altro sono stati e sono il freno dell’azione amministrativa. Considerato che ci sono una serie di provvedimenti che hanno carattere d’urgenza e che in alcun modo possono essere ulteriormente posticipati, noi dell’U.D.C. aspettiamo di conoscere a stretto giro le valutazioni e le determinazioni che il Sindaco Porcelli vorrà porre in essere e, se non li riterremo appropriati valuteremo con fermezza la nostra posizione all’interno di questa coalizione. Il nostro rappresentante in Giunta, il vice Sindaco Micillo, ha rimesso nelle mani del Sindaco le deleghe che ad egli sono in capo. Tutto ciò in quanto, contrariamente a chi continua a sbandierare e a reclamare anche a mezzo degli organi di stampa, maggiore evidenza in Giunta o in altri ambiti (i doppio-giochisti). Noi siamo per migliorare la qualità della vita e dei servizi dei nostri concittadini”