Caso Giaccio in consiglio comunale a Marano

Caso Giaccio in consiglio comunale a Marano

Sulla Giaccio decideremo in Consiglio

Riguardo alla mozione di indirizzo che chiede al Sindaco la revoca delle deleghe all’Assessore Giaccio decideremo in Consiglio Comunale. Le nostre perplessità derivano dal fatto che si tratta di una mozione assolutamente anomala, che non esprime una sfiducia o una censura, ma entra nel merito del rapporto fiduciario tra il Sindaco e un suo Assessore; tra l’altro se i nostri consiglieri comunali fossero stati coinvolti o consultati – come si è fatto con gli altri consiglieri di opposizione – avrebbero potuto contribuire a migliorare un documento che, per com’è scritto, tecnicamente non sta in piedi.

Resta però il contenuto politico della mozione e la nostra difficoltà ad esprimere un voto che possa essere inteso come un sostegno a un’amministrazione di centrodestra che si è distinta finora solo per l’inerzia e per l’insipienza amministrativa, oltre che per le divisioni interne che si trasformano spesso – come in questo caso ­– in vere e proprie congiure di palazzo.

Pertanto il nostro voto in consiglio comunale sarà orientato in maniera determinante dal modo in cui si svilupperà il dibattito in aula. In ogni caso, qualunque sia l’esito del voto sulla mozione in questione, il nostro auspicio è che l’opposizione consiliare abbandoni certi metodi pretestuosi basati sugli attacchi “ad personam” e cominci a lavorare in modo unitario al superamento nel più breve tempo possibile dell’attuale quadro politico-amministrativo e per la costruzione di un progetto di governo di centrosinistra a cui il Pd non farà mancare il proprio contributo in termini di idee e programmi.

 

La Segreteria e il Gruppo Consiliare del Pd

Comunicato Stampa