Emergenza rifiuti in via Francesco Frezza

Emergenza rifiuti in via Francesco Frezza

Via Frezza e via Camposcino vivono già da molto tempo un vero dramma legata al mal funzionamento della raccolta dei rifiuti da parte della nuova ditta Tekno Service.

Via Frezza. I bidoni per la raccolta dei rifiuti in questa via stanno diventando sempre più rari. Unici bidoni esistenti sono dislocati in prossimità delle due traverse di Francesco Frezza, solo 4.

Troppo pochi per soddisfare l’alta densità popolare della zona, oltre ai rifiuti sversati durante la mattinata da cittadini che provengono da altre zone.
Da un anno a questa parte nelle due vie interessate  erano dislocati 19 raccoglitori, 4 tra i quali nella zona ove pochi mesi fa sono state installate le telecamere di sorveglianza.

L’azienda torinese otre tutto da quasi tre giorni non è ancora intervenuta per la raccolta dei rifiuti e intanto un odore acre si diffonde nelle case e si moltiplicano la proliferazioni di insetti e ratti.

Le lamentele. Abbandonati e avviliti, queste sono le parole che maggiormente si sentono ascoltando i residenti e gli esercenti, che lanciano una petizione per iniziare una raccolta differenziata mai fatta e per installare dei raccoglitori per soddisfare l’intera popolazione della zona, ma chiedono soprattutto che la zona venga sottoposta al  controllo affinché il malcostume dello sversamento al di fuori dell’orario prefissato possa essere estinto definitivamente.