Fa scritte che inneggiano all’Isis, incastrato dalle telecamere. Ecco chi era

Vista l’allerta terrorismo i Carabinieri si sono subito attivati. Avevano rinvenuto per strada a San Prisco una serie di scritte inneggianti allo Stato Islamico e ai fatti di Parigi. Poco dopo grazie alle telecamere di videosorveglianza hanno scoperto che non si trattava di nessuna cellula terroristica ma di un balordo italiano del posto di 46 anni. Dopo le procedure di identificazione gli hanno sequestrato la bomboletta e speriamo fatto una bella ramanzina.

Ecco il comunicato dell’Arma

Nella mattinata odierna i carabinieri della Stazione di San Prisco, su indicazione del personale della locale Polizia Municipale si sono portati in Casapulla (Ce) lungo la via sersale e suo prolungamento poiché erano state rinvenute scritte “ISIS” ed un disegno di un cerchio e tour eiffel. Tali scritte e simboli erano state disegnate su manto stradale e sulle mura di due esercizi commerciali ubicati in quella via.

Immediata è stata l’attività investigativa posta in essere dai militari dell’arma che ha consentito di individuare il responsabile in un 46enne del posto.

Alla sua identificazione i carabinieri sono giunti dopo aver attentamente visionato i filmati dell’impianto di videosorveglianza comunale che hanno consentito di incastrare l’autore delle scritte. All’autore dello scellerato atto i carabinieri hanno anche sequestrato una bombola di vernice spray, compatibile con quella utilizzata per le scritte, rinvenuta all’interno della sua Fiat Panda.