La regiona approva il piano di semplificazione delle società partecipate. De Luca: “Svolta radicale, basta con i rami morti e le clientele”

La regiona approva il piano di semplificazione delle società partecipate. De Luca: “Svolta radicale, basta con i rami morti e le clientele”

Nell’ambito del programma legislativo nazionale – ha dichiarato il Presidente della Regione Vincenzo De Luca – abbiamo approvato il Piano di semplificazione delle Società Partecipate della Regione Campania. È una svolta radicale dal punto di vista della razionalizzazione, della trasparenza gestionale e del risparmio. In Campania passeremo da 43 a 6 società partecipate. Ridurremo drasticamente tutti i Consigli d’amministrazione. Non avremo più rami morti o finte aziende da utilizzare per piazzare clienti. Saranno tutelati tutti gli occupati, ma tutti dovranno impegnarsi a fondo in una attività lavorativa vera”.

D’intesa con il commissario ad acta è stato approvato il Piano di riordino delle 43 Società partecipate della Regione Campania che saranno ridotte a 6. Al drastico contenimento numerico corrisponderà un risparmio di spesa di circa 7 milioni di euro annui. A regime gli organici del nuovo assetto produrrà una riduzione di circa il 15 per cento del personale e un minore costo di circa 30 milioni rispetto ai dati del 2012.

Per il dipartimento programmazione e sviluppo economico Si mantiene la partecipazione di due società: una “diretta” “Sviluppo Campania spa”, e una indiretta “Società Attuazione Piano Stabilizzazione srl”.

Per il dipartimento Salute e risorse naturali Si mantengono due società: “So.Re.Sa. spa”, e la società nascente dalla fusione di “SMA Campania spa” e “Campania Ambiente Servizi spa”.

Per il dipartimento Politiche Territoriali previste due società dirette: “EAV srl” e “AIR spa”

Per il dipartimento Istruzione, ricerca, lavoro, politiche culturali e sociali invece mantenimento della società diretta “Scabec spa” sarà valutato al termine della convenzione con i titolari della minoranza della partecipazione.