Truffavano gli anziani, arrestati. Ecco cosa facevano

Ieri mattina, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Torre del Greco, hanno arrestato il pregiudicato 38enne Gaetano Immesi, il 35enne Bruno Mascitelli e denunciato in stato di libertà un 39enne, tutti del posto, in quanto ritenuti responsabili di truffa aggravata ai danni di un anziano torrese.

Ieri mattina verso le 10.20 Mascitelli, già noto alla Polizia per il suo presunto coinvolgimento in una precedente truffa ai danni di un anziano, è stato notato in Piazza Martiri d’Africa da un poliziotto fuori servizio mentre era intento con un altra persona a confabulare con un anziano. Insospettito, l’agente ha seguito il gruppetto sino a quando diretti verso una gioielleria, uno dei due raggiratori si è fatto consegnare del denaro dalla vittima. A questo punto il poliziotto ha chiamato in aiuto i suoi colleghi del Commissariato. Alla vista degli agenti, Mascitelli ha provato a dileguarsi ma è stato subito bloccato insieme al suoi complice. Sottoposto a perquisizione personale è stato trovato in possesso di 150 euro avvolti su un pacchetto di sigarette contenente fazzolettini di carta in modo da sembrare molti di più e di altri 1000 euro riposti nella tasca del giubbotto. Immesi ha invece provato a disfarsi di un sacchettino subito recuperato dagli agenti: all’interno vi erano 4 pietre sintetiche vagamente somiglianti a dei diamanti. 

Successivamente è stato accertato che i due specialisti della truffa avevano indotto l’anziano signore a credere che poteva partecipare all’acquisto di 4 diamanti del valore di 14.000 euro, convincendolo quindi a prelevare 1000 euro in contanti e infine consegnarli ad uno dei malfattori.

I due sono stati pertanto arrestati ed il loro complice, spacciatosi per noto gioielliere del posto e che aveva finto di stimare i 4 finti diamanti, è stato invece denunciato in stato di libertà.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria i 1000 euro trovati nelle tasche di Mascitelli sono stati subito restituiti all’anziano truffato.

In giornata i due arrestati saranno processati con rito direttissimo presso il Tribunale di Torre Annunziata. Gli investigatori del Commissariato Torre del Greco sospettano che i due siano stati autori di altri simili truffe, sempre a danno di inconsapevoli anziani.