Qualiano: lavori a viale Europa e al viale Principe

Qualiano: lavori a viale Europa e al viale Principe
Approvato in via definitiva un progetto di manutenzione, ristrutturazione e riammodernamento degli edifici di Viale Europa e di Rione Principe. Quest’ultimo  sarà oggetto principalmente di un “relamping”, una sorta di efficientamento con la creazione anche di uno spazio di attesa dove i genitori potranno sostare  quando accompagnano i propri figli a scuola o li vanno a prendere al termine delle lezioni. La Delibera di Giunta numero 183, approva quindi il progetto definitivo per 405 mila euro, fondi del “tesoretto” in giacenza presso la Cassa Depositi e Prestiti alla quale spetta l’ultima parola, per l’erogazione dell’importo che darà il via ai lavori. 
L’intervento più importante è a carico dell’edificio di Viale Europa, che verrà rammodernato con la riacquisizione dello vecchio androne della scuola, che oggi è inesistente perché occupato da aule,  mentre nel seminterrato verranno costruite nuove aule e laboratori. 
Ciò ci permetterò di trasferire la materna della cosiddetta “villetta” smettendo un altro fitto passivo per il nostro Comune.- ricorda il sindaco Ludovico De Luca– Continuiamo l’opera del buon amministrare riducendo le spese dell’Ente pubblico e utilizzando al meglio gli spazi delle strutture scolastiche come abbiamo detto e fatto dall’inizio del mandato popolare. Da  sottovalutare nemmeno la cifra che verrà risparmiata”. 
Continua la strada intrapresa dall’Amministrazione comunale, che ha attenzionato sempre gli edifici scolastici pubblici. “Oltre al diritto allo studio occorre garantire ai nostri più giovani cittadini, anche strutture scolastiche belle dove apprendere e vivere la fanciullezza e l’adolescenza in attività sportive, ludiche e laboratoriali.- sottolinea l’assessore alla Pubblica Istruzione, Valentina Biancaccio– Il nostro impegno è totale e quest’anno c’è una importante sinergia con i Dirigenti scolastici per implementare il POF”.  
Essendo un progetto esecutivo, già per il mese di Novembre, appena la Cassa Depositi e Prestiti dà il suo ok, potranno iniziare i lavori.