Faida di camorra, fermate 11 persone: pesanti accuse nei loro confronti. Video

Faida di camorra, fermate 11 persone: pesanti accuse nei loro confronti. Video

La polizia sta eseguendo un decreto di fermo nei confronti di 11 persone appartenenti alla famiglia Buonerba, un gruppo legato ai Mazzarella. Le accuse sono di associazione a delinquere di stampo mafioso, omicidio, tentato omicidio, porto e detenzione illegale di arma da fuoco, tutti reati aggravati dal metodo mafioso e commessi negli ultimi mesi nel quartiere Forcella.

Tra i fermati ci sono anche i mandanti dell’omicidio di Salvatore D’Alpino e del ferimento di Sabatino Caldarelli avvenuto il 3o luglio scorso e del tentato omicidio di Giuseppe Memoli del 9 agosto per un escalation di violenza nata nel tentativo di contrapporsi in maniera forte e decisa all’alleanza Sibillo-Giuliano-Brunetti-Amirante per la gestione delle estorsioni e del traffico di droga nella zona.

La Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli ha coordinato la complessa indagine della Squadra Mobile della Questura di Napoli e del Servizio Centrale Operativo ed ha monitorato l’ascesa a Forcella del gruppo camorristico facente capo a Gennaro Buonerba, 23 anni, la dura contrapposizione armata al clan camorristico rivale, in particolare al gruppo facente capo ai fratelli Sibillo, Pasquale ed Emanuele, e la capacità di tessere alleanze con esponenti apicali di clan camorristici confinanti. Destinatario del Fermo, infatti, anche Sequino Salvatore, 41 anni, esponente apicale dell’omonimo clan camorristico operativo nella confinante “Sanità”. In tale accesa dinamica criminale sono stati ricostruiti gravi fatti di sangue e le motivazioni sottese ad essi quale conseguenza dello scontro armato tra il gruppo “Buonerba” e quello facente capo ai fratelli Sibillo e che ha visto il quartiere di Forcella e di Via Oronzio Costa teatro di uno scontro senza esclusione di colpi.

Destinatari del decreto di Fermo di Indiziato di delitto emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli rintracciati e tratti in arresto dalla Polizia di Stato nella mattinata odierna:

AMOROSO Antonio 21 anni;

BUONERBA Assunta 29 anni;

BUONERBA Gennaro 23 anni;

CRISCUOLO Salvatore 54 anni;

MANNA Andrea 38 anni;

MAZIO Salvatore 23 anni;

MAZZONE Luca 24 anni;

SCAFARO Luigi 25 anni;

SEQUINO Salvatore 41 anni;

SIBILLO Emilia 38 anni;

VALENTE Vincenzo 59 anni.