Controllo a tappeto dei carabinieri: 2 arresti per spaccio e multe a raffica

Controllo a tappeto dei carabinieri: 2 arresti per spaccio e multe a raffica

2 arresti per spaccio di droga, parcheggiatori abusivi multati e allontanati, persone alla guida senza patente, circolanti su auto già sequestrate o con numero di telaio contraffatto, 345 infrazioni al codice della strada contestate.

Questi, in sintesi, i risultati di controlli per contrastare fenomeni d’illegalità diffusa effettuati nelle zone di piazza Bellini, nel quartiere di Chiaia e sulle strade intorno a via Toledo dai carabinieri della compagnia Centro Insieme a colleghi del nucleo radiomobile di Napoli.

Quelli riguardanti il contrasto allo spaccio di droga nella zona di piazza Bellini hanno portato all’arresto di 2 extracomunitari sorpresi in flagranza di spaccio dai militari del nucleo operativo della compagnia centro. Si tratta di Faal Sheikh, del Gambia, 19enne, e di Bady Lamin, del Senegal, 25enne, senza fissa dimora. Entrambi sono stati bloccati dai militari subito dopo aver ceduto droga a un assuntore che è stato segnalato al prefetto di Napoli. Nella circostanza sono stati rinvenuti e sequestrati 2 involucri contenenti 4 grammi di marijuana e una stecchetta di hashish da un grammo. dopo le formalità di rito sono stati tradotti nella casa circondariale di Poggioreale.
Nel corso dei servizi effettuati nelle zone più frequentate dalla “movida” sono stati scoperti, identificati, multati e allontanati 15 soggetti sorpresi a esercitare abusivamente l’attività di parcheggiatore – guardiamacchine. Ai 15 sono stati sequestrati i proventi dell’attività, circa 160 euro in monete e banconote di piccolo taglio.

Nel contesto operativo sono stati eseguiti numerosi controlli alla circolazione stradale e contestate 345 infrazioni al codice, 15 delle quali per guida di veicoli a due ruote senza casco protettivo. Denunciate in stato di libertà 9 persone sorprese alla guida di 7 auto e 2 scooter senza aver conseguito la patente.

Denuncia anche per 3 cittadini che continuavano a usare le loro auto precedentemente sottoposte a sequestro e a loro affidate per l’esclusiva custodia in luogo chiuso. Altri 3 utenti della strada sono stati denunciati per ricettazione e riciclaggio perché sorpresi alla guida di veicoli con numero di telaio contraffatto.