Che fine faranno i 25mila euro non spesi per la rassegna cinematografica?

Che fine faranno i 25mila euro non spesi per la rassegna cinematografica?

L’amministrazione comunale avrebbe dovuto organizzare, nei mesi di agosto e settembre, una rassegna cinematografica denominata “Estate sotto le stelle”. Il cinema all’aperto si sarebbe dovuto a partire dal giorno 5 agosto. Durante il mese scorso i film dovevano essere proiettati nel cortile del IV Circolo Didattico in Via Ripuaria. A settembre, invece, le proiezioni si dovevano tenere nei giardini del I Circolo Didattico in Piazza Gramsci.

La rassegna cinematografica, però, sembrerebbe essere definitivamente saltata. Eppure sarebbero state circa 3 le associazioni ad aver mostrato interesse per il bando di gara, pubblicato intorno alla fine di luglio, e con scadenza fissata al 3 agosto. La commissione preposta alla valutazione delle domande si sarebbe anche riunita il giorno successivo, il 4 agosto.

Valutate le domande presentate dalle associazioni in gara, i responsabili del settore attendevano un “via libera” da parte dell’amministrazione comunale per dare inizio alla rassegna. “Via libera” che a quanto pare non è mai arrivato. I motivi non sono ancora chiari. C’è che sostiene che un cavillo burocratico abbia bloccato l’espletamento della gara, chi altro invece ritiene che i fondi disposti fossero insufficienti.

L’amministrazione, nei limiti delle risorse finanziarie, aveva infatti messo a disposizione la somma di 25mila euro per finanziare la rassegna cinematografica. Ma questi soldi non sono stati più utilizzati. Sono ancora lì, nelle casse comunali, non spesi.

Visto che la rassegna estiva è definitivamente saltata, come e quando saranno utilizzati questi 25mila euro? Dopo un’estate trascorsa più “a casa” che “sotto le stelle”, i cittadini si chiedono perché tale somma non venga investita immediatamente nella realizzazione di una “rassegna autunnale”. Magari potrebbero essere organizzate iniziative culturali per grandi e piccoli con letture in piazza delle favole di Gian Battista Basile. Oppure, divertimento con dj set per i più giovani e spettacoli teatrali negli auditorium delle scuole per i più grandi.

Si è paventata, nelle ultime ore, anche l’ipotesi che l’amministrazione comunale abbia intenzione di organizzare una sorta di Notte Bianca verso la fine di settembre. Insomma, le idee ci sono, ma a volte a mancare è un pizzico di velocità nel metterle in pratica.