Terrorizzavano l’aversano: presa la banda dei fucili a canne mozze. Guarda il video delle rapine

Terrorizzavano l’aversano: presa la banda dei fucili a canne mozze. Guarda il video delle rapine

In data odierna, all’esito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Casal di Principe hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare, emesse dall’Ufficio GIP del Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di 5 persone indagate a vario titolo di rapine aggravate e di detenzione e porto illegale di armi. L’indagine, condotta dai Carabinieri della Compagnia di Casal di Principe, anche attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali, ha in primo luogo consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico di tre dei cinque indagati in relazione a:

rapina in abitazione, commessa la sera del 17.02.2015 in Casapesenna (CE), quando quattro persone, con un quinto complice che fungeva da “palo”, facevano irruzione, con il volto coperto e armate di pistola e coltelli, all’interno dell’ abitazione di due anziani coniugi, asportando circa 7.000 euro in contanti e diversi oggetti in oro;

rapina, commessa in data 08.03.2015 in Casapesenna (CE), presso un distributore di carburanti.

Per entrambi gli episodi gli stessi Carabinieri avevano già dato esecuzione, in data 27.04.2015, a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di altre persone, indagate a vario titolo per tali eventi delittuosi.

Sono stati, inoltre, raccolti gravi indizi di colpevolezza a carico degli altri due dei cinque indagati in relazione ai seguenti eventi delittuosi:

rapina presso un supermercato, commessa in data 31.01.2015 in Casal di Principe (CE), con la seguente dinamica: due persone, con il volto coperto e armate di un fucile a canne mozze, dopo aver minacciato impiegati e clienti, asportavano dalla cassa circa 4.000 euro in contanti;

rapina presso un supermercato, commessa in data 11.02.2015 in San Cipriano d’Aversa (CE), avvenuta con le medesime modalità, nel corso della quale i rapinatori sottraevano dalla cassa circa 300 euro in contanti;

rapina presso un Bar Tabacchi, commessa in data 20.02.2015 in Casal di Principe (CE), avvenuta con le medesime modalità, che fruttava un bottino di circa 3.600 euro in contanti; nella circostanza, uno dei rapinatori esplodeva in aria un colpo di fucile a scopo intimidatorio;

tentata rapina presso un supermercato, commessa in data 07.03.2015 in Villa Briano (CE), con la seguente dinamica: una persona, con il volto coperto e armata di un fucile a canne mozze, tentava di irrompere all’interno dell’esercizio pubblico; nella circostanza, l’azione delittuosa non veniva portata a compimento grazie all’intervento di un cittadino albanese, presente sul posto, il quale riusciva a disarmare il rapinatore, costringendolo, alla fuga unitamente al complice che lo attendeva in auto. Nei confronti del coraggioso cittadino albanese è stato richiesto il rilascio di un permesso di soggiorno straordinario per motivi di giustizia.