Riqualificazione delle periferie a partire dalla Multiservizi.

Riqualificazione delle periferie a partire dalla Multiservizi.

Riassettata la Qualiano Multiservizi. A dichiararlo Nicola Visconti, il coordinatore tecnico della società mista, che ha provveduto e sta provvedendo ad una riqualificazione delle aree periferiche della comunità, servite, negli ultimi anni, in maniera inefficiente. Pozzo nuovo, masseria del cardinale, via ripuaria ed asse della grande viabilità, nelle ultime ore sono state oggetto di lavori di posizionamento dei normali contenitori che da anni, invece, occupano il centro cittadino.

 

Sono stati, inoltre, incrementati i lavori delle equipe della multiservizi, con turni frequenti e no stop, in modo da servire tutto il territorio in maniera completa. L’obiettivo è portare la raccolta differenziata al 50%, e per fare ciò la commissione congiunta Multiservizi-Amministrazione, ha convenuto di raccogliere i rifiuti secondo il calendario di conferimento, cioè disponendo lo sgombero degli indifferenziati una volta la settimana.

 

Riguardo alla raccolta dell’indifferenziata Visconti dichiara: “oggi lo smaltimento di questi rifiuti costa 186 euro a tonnellata, e il comune ha diminuito l’indifferenziato di 30 tonnellate, quindi alla fine le case comunali sono state esonerate dal pagamento di circa 25 mila euro in una settimana”. Dopo venti giorni dall’implementazione della rinnovata raccolta rifiuti, oggi il comune gode di un 44% di raccolta. Fondamentale, spiega il coordinatore tecnico, il contributo dei volontari cittadini, che hanno dato il via ad un’efficace opera di sensibilizzazione porta a porta nelle case dei residenti delle periferie, a cui hanno rilasciato calendari ed indicazioni.

 

Uno dei volontari nonché membro della casa del popolo di qualiano dichiara: “noi sosteniamo la lotta contro l’inceneritore, e la sensibilizzazione per una raccolta differenziata efficiente è condizione necessaria alla concretizzazione di alternative allo smaltimento finale di rifiuti. Se tutti i comuni dell’hinterland raggiungo il 60% delle differenziata, i dati alla mano ci dicono che l’inceneritore di Acerra già basta”. Il sindaco De Luca, commenta entusiasta: “l’amministrazione ha ritenuto che tutto il paese debba essere trattato allo stesso modo, per cui i rifiuti devono essere raccolti quotidianamente e in tutto il territorio. Abbiamo destinato lo stesso automezzo della multiservizi per le zone periferiche, il che ci ha consentito anche di tenere i costi invariati”.

 

Tuttavia il problema rifiuti a Qualiano rimane parzialmente irrisolto: il centro cittadino non è completamente sgombro da rifiuti di ogni tipo, ma questo pare sia dovuto alla mancata volontà da parte dell’amministrazione di raccogliere rifiuti indiscriminatamente. “Se i cittadini non ottemperano agli obblighi della differenziata, non avranno un paese pulito”, commenta De Luca. Si spera comunque che dopo le innovazioni della multiservizi il centro non venga periferizzato, ma che possa godere di strade pulite, sopratutto in vista della festività.