Giugliano, sesso in vendita fuori la chiesa: a breve un’ordinanza per l’ordine pubblico e la “pacifica convivenza”

Giugliano, sesso in vendita fuori la chiesa: a breve un’ordinanza per l’ordine pubblico e la “pacifica convivenza”

Qualche mese fa abbiamo denunciato lo stato di degrado nel quale versa la circumvallazione esterna e soprattutto l’area intorno alla chiesa Stella Maris. Il caso eclatante riguarda il commercio del sesso ai cancelli della parrocchia. L’altro giorno l’incontro tra il parroco, le forze dell’ordine e la commissione.

Il punto però non è emanare un’ordinanza. In questo modo le ragazze, comunque sfruttate da gruppi criminali, si sposteranno semplicemente più in là. La questione è debellare un fenomeno ed intervenire affinché lungo la circonvallazione e la domitiana non ci sia più prostituzione. Risolvere il problema della chiesa Stella Maris non sarà sufficiente. Il  presidi ed il controllo deve essere diffuso sull’intero territorio.

 

Di seguito il comunicato stampa del Comune.

“La Commissione Straordinaria, in data 28 novembre u.s., ha ricevuto il Parroco della Chiesa San. Matteo Apostolo “Stella Maris”, in ordine alle segnalate condizioni di disagio della Comunità parrocchiale per le diffuse problematiche relative al fenomeno della prostituzione presente in quella zona.

Alla riunione hanno partecipato, inoltre, il Dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza il Comandante della Compagnia CC di Giugliano e  il Comandante della Polizia Locale. Si è pertanto concordata un’intensificazione degli interventi di contrasto del fenomeno attraverso servizi congiunti della Polizia Locale e delle altre Forze di Polizia (CC e P.S.), che, nell’impedire azioni di intralcio o pericolo per la circolazione stradale, garantiscano adeguati livelli di sicurezza urbana e pacifiche forme di convivenza.

A tale scopo questa Commissione Straordinaria intende adottare un’ordinanza contingibile ed urgente ai sensi dell’ Art. 54 comma 4 del D.Lgs 267/2000, tutt’ora al vaglio della Prefettura, al fine di rendere maggiormente efficaci gli interventi indispensabili per la tutela della sicurezza urbana”.