Alloggi di edilizia pubblica, un bando per recuperare quelli inutilizzati e inagibili

Alloggi di edilizia pubblica, un bando per recuperare quelli inutilizzati e inagibili

Mettere mano agli alloggi di edilizia residenziale pubblica. E’ questo uno dei primi interventi messi in campo dal vicepresidente con delega all’Urbanistica Fulvio Bonavitacola. E’ stato pubblicato dalla Regione Campania l’avviso pubblico relativo al programma di recupero di questi immobili.

Il bando interessa i Comuni della Campania ad alta tensione abitativa e gli Istituti Autonomi di Case Popolari proprietari di alloggi.

Due gli interventi previsti nell’avviso pubblico a cui i Comuni potranno partecipare. Nel primo caso la regione stanzia importi sino a 15mila euro per riqualificazioni di lieve entità finalizzate a rendere disponibili nel breve tempo gli alloggi sfitti inutilizzabili. Nel secondo caso, invece, le risorse sono destinate all’efficentamento energetico degli edifici, alla messa in sicurezza, alla rimozione di materiali nocivi e pericolosi, come l’amianto o al superamento delle barriere architettoniche, per un importo fino a 50mila euro. Lo stanziamento complessivo è pari a 50 milioni di euro.

Tra i comuni a più alta densità abitativa Giugliano è il secondo in provincia di Napoli seguito da Marano, Melito, Mugnano, Villaricca e infine Qualiano. Dunque le amministrazioni potrebbero essere interessate così da poter ammodernare prendere disponibili nuovi alloggi.

“Renderemo pronti all’uso gli immobili attualmente inutilizzabili, per assegnarli alle categorie sociali indicate dalla legge a condizione che i soggetti appartenenti a queste categorie siano collocati utilmente nelle graduatorie comunali per l’accesso agli alloggi”, ha spiegato il vicepresidente Bonavitacola.