Scoperta la base dove si vendeva la “supermarijuana”

Scoperta la base dove si vendeva la “supermarijuana”

Una giovanissima ragazza ed un uomo erano scesi dal Vomero al Rione Traiano per acquistare ‘erba’, ma al momento dello scambio i carabinieri in borghese della Compagnia Napoli Bagnoli sono piombati bloccando pusher e acquirenti.
Lo spacciatore finito in manette è Ciro Gargiulo, 53enne, napoletano, già noto alle forze dell’ordine, arrestato in flagranza di reato.
I due vomeresi non hanno esitato a consegnare l’erba appena acquistata ai militari (15 euro al ‘pezzo’, il doppio rispetto i prezzi noti della marijuana).
Gli operanti hanno poi perquisito lo spacciatore e il suo scooter, trovando 10 grammi di marijuana e 24 grammi di hashish, suddivisi in dosi.
Il test fatto sul posto con il reagente per ‘cannabinoidi’ è stato decisamente reattivo rispetto al solito…
Una ‘supermarijuana’ in pratica, venduta a prezzi maggiorati.
I risultati venuti fuori dal Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti dell’Arma hanno confermato l’intuizione riscontrando il 16% di principio attivo (THC).
Tanto, il 400% in più di quello normalmente presente nella marijuana (3-4 %).
Di conseguenza si tratterebbe di una selezione particolare di piante probabilmente trattate in fase di coltivazione seguendo procedure che stimolano la produzione di principio attivo.
L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato accompagnato presso il carcere di poggioreale.