Morto in Sud America Corrado Iacolare: fu il braccio destro di Cutolo

Morto in Sud America Corrado Iacolare: fu il braccio destro di Cutolo

Si è spento in sud America Corrado Iacolare. Lo confermano voci vicine alla famiglia. Camorrista atipico proveniva da una famiglia per bene di Giugliano. E’ stato ritenuto per anni il braccio destro di Raffaele Cutolo. La mente strategica e imprenditoriale del clan.

 

Cutolo di lui diceva “Mi fa paura perché è l’unico più intelligente di me”. Il suo personaggio è avvolto da un alone di mistero.  Più volte dato per morto è uno dei pochi cutoliani ad essere finito per vecchiaia. Pare fosse stato il tramite tra i servizi segreti e il boss di Ottaviano nella trattativa per il caso della liberazione dell’assessore Cirillo. Da anni lontano dalle vicende malavitose campane si era rifugiato in sud America fuggendo ad una condanna per associazione a delinquere.

 

Leggendari alcuni suoi travestimenti con i quali pare si camuffasse per tornare a Giugliano: da prete o addirittura da poliziotto. Con Corrado Iacolare spesso realtà e fantasia si sono intrecciati nell’immaginario giuglianese. Oggi però le leggende sul suo conto terminano per sempre e muoiono con lui una serie di misteri italiani che hanno rappresentato le pagine più buie della nostra Repubblica.