Asfalto assassino, morto un ventenne di Melito alunno dell’Ipia di Giugliano

Un brutto incidente questa notte sull’asse mediano è costato la vita ad un giovane melitese. Il ragazzo non appena ventenne è morto a seguito di un forte impatto. La vittima, Salvatore Maisto, era un alunno dell’Ipia Marconi di Giugliano e viveva a Melito. Alla guida della vettura sulla quale viaggiava Salvatore c’era un suo amico G.N.

Non si conosce ancora la dinamica dell’impatto che è costato la vita al giovane Salvatore. Erano circa le tre di questa notte quando è avvenuto il tragico incidente all’altezza dello svincolo Aversa Melito. Sulla dinamica è giallo: non si sa se l’autovettura sulla quale viaggiava il melitese deceduto si sia girata su se stessa e ha poi coinvolto almeno altre quattro autovetture oppure dopo un tamponamento a catena Salvatore sia sceso dal veicolo e lì sia stato poi travolto. I fatti potranno essere poi chiariti dal giovane amico che era con lui in auto.

I sanitari, subito accorsi sul posto, non hanno potuto far altro che constatare il decesso del giovane ed hanno portato in ospedale, al San Giovanni Bosco, il passeggero che era con lui in macchina che non è in pericolo di vita. Per un altro automobilista invece si è dovuto ricorrere alle cure dei medici del San Giuliano, anche lui non è in gravi condizioni.

Totò, così lo chiamavano gli amici. E così lo ricordano oggi su Facebook i compagni di scuola, gli amici di sempre. Salvatore studiava all’Ipia Marconi di Giugliano ma viveva a Melito. La macchina tanto desiderata costata poi la vita. Il sogno di ogni diciottenne, la conquista dell’agognata patente e difatti proprio l’amico alla guida del veicolo sul quale Salvatore ha perso la vita pare fosse neopatentato.

Sul profilo Facebook diverse le foto che Salvatore e l’amico postavano in auto. Solo qualche giorno fa la giovane vittima aveva fatto gli auguri all’amico per aver superato l’esame di guida.

Increduli gli amici che hanno lasciato un ricordo sulla bacheca della vittima 20enne. “Spero è solo uno scherzo” scrivono o ancora “non è vero quello che dicono”. E poi chi posta il suo ultimo momento insieme di solo qualche ora prima del tragico impatto.

Adesso bisognerà capire la dinamica dell’impatto mortale. E probabilmente solo l’amico che era in auto con lui potrà chiarire cosa è accaduto, come Salvatore ha perso la vita.