Giugliano e Qualiano: servizio ad “alto impatto” dei carabinieri. Arresti e denunce

Giugliano e Qualiano: servizio ad “alto impatto” dei carabinieri. Arresti e denunce

I carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania insieme a colleghi della compagnia d’intervento operativo del reggimento campania hanno effettuato un servizio ad “alto impatto” a Giugliano e Qualiano.
E’ stato tratto in arresto Vincenzo Palumbo, 34enne, residente a Giugliano in via Marconi e già noto alle Forze dell’ordine, sorpreso su via Marconi in stato di evasione dagli arresti domiciliari ai quali era stato sottoposto per rapina.
Arresto su provvedimento restrittivo per 2 persone:
Volpe Gennaro, 43 anni, residente a Giugliano in via Licola mare e già noto alle Forze dell’ordine, raggiunto da un ordine di carcerazione emesso il 3 giugno dalla procura di Napoli Nord dovendo espiare la pena residua di un anno e 6 mesi di reclusione per rapina a mano armata commessa a Giugliano il 23.11.2003.
Luca Priore, 33 anni, residente a Qualiano in via circumvallazione esterna e già noto alle forze dell’ordine, raggiunto da un ordine di carcerazione emesso il 25 maggio dalla procura di Teramo dovendo espiare la pena residua di un anno e 7 mesi di reclusione per reati inerenti gli stupefacenti commessi a Teramo il 31.07.2013.
Nel contesto operativo 6 persone sono state denunciate in stato di libertà per detenzione e vendita illegale di tle di contrabbando (con il sequestro di 15 kg di sigarette).
Denuncia, infine, anche per 5 giovani sorpresi alla guida di veicoli senza aver mai conseguito la patente.