De Luca incontra i sindaci della terra dei fuochi: “Nessun termovalorizzatore per Taverna del Re”

Il primo appuntamento operativo del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca è stato un incontro con gli amministratori della terra dei fuochi per ribadire il suo no all’inceneritore di Giugliano. “In un mese dobbiamo mettere in moto il processo di bonifica delle ecoballe. Dobbiamo partire subito senza tentenammenti. Senza termovalorizzatore ma con il recupero di quello di reciclabile che c’è dentro le balle e la produzione di materiale per i cementifici sfruttando gli Stir” ha dichiarato il Presidente. 
All’incontro sono intervenuti i sindaci di Castel Volturno, Villa Literno e Acerra. Nonché Raffaele Vitale di Parete e Salatiello di Clavizzano. 

L’eliminazione delle ecoballe e la bonifica della Terra dei Fuochi è il mio primo impegno – dichiara Vincenzo De Luca – a tutela della salute dei cittadini, per la salvaguardia dell’ambiente, per la ripresa dell’agricoltura e del turismo. Abbiamo fatto una valutazione approfondita della situazione e definiremo a breve la metodologia più moderna d’intervento oltre che a tempi certi e serrati. Entro un mese si dovrà decidere tutto. No ad altri termovalorizzatori.

Va costituito da subito un nucleo di controllo sanitario sui territori per dare serenità alle famiglie. Bisogna intervenire immediatamente sui roghi e sulla prima messa in sicurezza delle discariche esistenti. Non si dovrà perdere un minuto di tempo. Le soluzioni – conclude De Luca – saranno illustrate ai cittadini entro il mese di giugno. Sempre d’intesa con gli amministratori e le comunità locali“.
 

Erano presenti gli amministratori di Villaricca Molino, Di Marino e Mastrantuo, Antonio Castaldo Vice Sindaco di Qualiano. C’erano anche i consiglieri regionali Casillo Tommaso e Topo.  Il tavolo è stato coordinato da Giovanni Porcelli.