Poche ore al silenzio elettorale: si alzano i toni tra i candidati sindaco. Frecciatine tra Poziello e Guardascione

Poche ore al silenzio elettorale: si alzano i toni tra i candidati sindaco. Frecciatine tra Poziello e Guardascione

Poche ore ancora e poi sarà silenzio. Nell’ultimo giorno di campagna elettorale i candidati sindaco alzano il tiro. Poziello denuncia compravendita di voti in cambio di pacchi di pasta e poi lancia una stoccata al Pd. Il candidato ha infatti scritto su Facebook: “Il partito della sanità chiude la campagna elettorale di fronte l’ospedale”.

A rispondere ci pensa il candidato Francesco Guardascione che dichiara: “Queste provocazioni inutili non le raccolgo. Quello era l’unico posto libero. Potrei dire lui fa la chiusura di fianco una scuola perché ci sono professori, ma non lo faccio. Lui recita poesie parlando di città di bambini, di giochi ma medici ci sono anche nelle sue numerosissime liste”.

In ogni caso Poziello chiuderà la sua campagna elettorale in piazza Gramsci con un evento dedicato ai più piccoli con animazione e comici di made in sud. Il Pd invece ha organizzato la manifestazione alla terrazza di fronte il San Giuliano con l’onorevole Giovanna Palma.

L’ultimo incontro pubblico per Luigi Guarino candidato di Forza Italia sarà con l’ex ministro della giustizia Nitto Palma al Corso Campano.

Il Movimento 5 stelle, dopo Di Battista, ha chiuso oggi la competizione in piazza Municipio con la senatrice Paola Taverna.

Per Vincenzo Basile ci sarà Mario Mauro in città, ex ministro della difesa che parteciperà a una manifestazione a sostegno del candidato di Fratelli d’Italia.

Per Anna Russo della civica CambiaMenti un evento qualche giorno fa con l’ex consigliere comunale Luigi Aruta e il candidato Tommaso Casillo.

Andrea D’Alterio di Giugliano Metropoli lancia invece una sfida: 2000 posti di lavoro in 18 mesi tramite il mercato ortofrutticolo facendolo diventare la piattaforma  dell’agroalimentare del sud.