Giugliano, due settimane al voto. Dopo la tempesta torna la calma: toni pacati dei sette candidati

Giugliano, due settimane al voto. Dopo la tempesta torna la calma: toni pacati dei sette candidati

A due settimane dal voto la campagna elettorale a Giugliano va avanti a pieno ritmo. I toni degli ultimi giorno sono alquanto pacati dopo il clima rovente che ha aperto la competizione nel centrodestra come nel centrosinistra.

Continua sulla scia dello slogan “curerò la mia città” Francesco Guardascione che organizza un evento con il viceministro della sanità e la deputata Giovanna Palma.

Diversi i gazebi presenti in piazza ieri. Antonio Poziello che ha punta sulla Terra dei giochi con la promessa di creare dieci aree per i bambini. Per lui e altri cinque iscritti Pd il commissario cittadino Peppe Russo ha avviato le pratiche di espulsione dal partito. Si tratta di Pasquale Casoria, Agostino Palumbo, Paolo Liccardo, Francesco Maisto, Imma Galiano.

Anna Russo invece si è intrattenuta sulla fascia costiera con i candidati al consiglio della sua civica CambiaMenti.

Luigi Guarino spinge molto sui giovani. Anche per lui ieri campagna elettorale in strada. Ma ha annunciato per venerdì prossimo un concerto con Gianluca Capozzi in piazza Annunziata.

A dare man forte alla campagna elettorale di Vincenzo Basile, Francesco Storace segretario nazionale de “La destra” che ieri è stato a Giugliano facendo un endorsement al candidato.

Diversi gli incontri anche per Andrea D’alterio che con la civica Giugliano Metropoli ha scelto come cavallo di battaglia della sua campagna elettorale l’uscita di Giugliano dalla città metropolitana.

Altri endorsement sono giunti per Nicola Palma con le visite del senatore grillino Sergio puglia e del deputato Roberto Fico.